Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Dubbio necessità certificazione

L'iter relativo alla marcatura CE e problemi connessi.

Moderatore: Foto UtenteGuerra

0
voti

[11] Re: Dubbio necessità certificazione

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 11 set 2020, 16:42

La struttura di supporto, che funge anche da scrivania e seduta, è costruita in maniera tale da nascondere tutta la parte di movimentazione in modo che non si possa raggiungere da dove si è seduti.

Non sono certo, ma dovreste esaminare il caso di uno stupido in piedi che infila il dito dove non dovrebbe. Per minimizzare il pericolo, dovreste mettere una cuffia a soffietto o almeno una terghetta con scritto "attenzione pericolo di pizzicarsi" o simili e segnalarlo nel manuale di uso.
O forse predisporre un pulsante di arresto di emergenza. O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
7.589 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3448
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

1
voti

[12] Re: Dubbio necessità certificazione

Messaggioda Foto UtenteLars98 » 16 set 2020, 9:04

Scusate se ho tardato un po', nei giorni scorsi abbiamo apportato un po' di modifiche seguendo anche i consigli che ho ricevuto qui per cercare di arginare eventuali problemi.

WALTERmwp ha scritto:Questa affermazione mi sembra superficiale
Lars98 ha scritto:(...) la parte di movimentazione in modo che non si possa raggiungere da dove si è seduti (...)
la valutazione dei rischi deve considerare tutti i rischi potenziali, non limitarsi a quelli relativi e questo vale anche per le interferenze meccaniche.

Abbiamo inserito dei pannelli appena dietro i monitor, con una fessura solo lungo l'asse di movimento. In questo modo la zona dei motori e fisicamente inaccessibile. Nel caso si infillasse un dito o una mano, questi non raggiungerebbero nessuna parte mobile e nel caso si spostassero i monitor a fine corsa da un lato o da un altro, abbiamo lasciato un po' di spazio libero in più per evitare eventuali dita o mani schiacciate
WALTERmwp ha scritto:
Lars98 ha scritto:(...) abbiamo tagliato le prese dai cavi (...)
non che faccia una grande differenza ma riscrivo perché non mi è chiaro: avete tagliato il connettore femmina o le spine ?

Avevamo tagliato le spiene, quelle che si collegano alla presa a muro, ma siamo riusciti ad arginare il problema. Ora tutti i cavi sono integri e si collegano ad una ciabatta. Il cavo di alimentazione della ciabbatta rimane comunque collegato prima all'interruttore generale poi al magnetotermico.
WALTERmwp ha scritto:
Lars98 ha scritto:(...) Tutta la struttura di supporto è fatta in alluminio tubolare (...)
spero abbiate considerato le masse e gli opportuni collegamenti.

Riguardo la struttura è stato tutto opportunamente sovradimensionato, non abbiamo mai pensato a raggiungere il limite fisico dei pezzi.
WALTERmwp ha scritto:
Lars98 ha scritto:(...) La scelta è stata sensata oppure sarebbe stato meglio fare altro? (...)
senza sapere(i dettagli sono fondamentali) avrei evitato tagli e saldature sui cavi di alimentazione.

Per questo dovremmo aver risolto con la ciabatta?
WALTERmwp ha scritto:Tornando invece sulla questione disturbi e interferenze(EMC) credo vi sia un solo modo per caratterizzare l'assemblato ovvero sottoporlo a un test; che poi lo si voglia fare è altro discorso.

Chiarissimo, non appena avremo finito il tutto lo sottoporremo al test. Se dovesse essere necessario aggiungeremo schermature ove necessario.

Grazie mille
Avatar utente
Foto UtenteLars98
5 2
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 5 set 2020, 12:26

0
voti

[13] Re: Dubbio necessità certificazione

Messaggioda Foto UtenteLars98 » 16 set 2020, 9:22

MarcoD ha scritto:
La struttura di supporto, che funge anche da scrivania e seduta, è costruita in maniera tale da nascondere tutta la parte di movimentazione in modo che non si possa raggiungere da dove si è seduti.

Come ho scritto poco fa abbiamo aggiunto una specie di carena, che oltre a migliorare l'estetica complessiva rende impossibile da ovunque raggiungere le parti in movimento.
MarcoD ha scritto:Non sono certo, ma dovreste esaminare il caso di uno stupido in piedi che infila il dito dove non dovrebbe. Per minimizzare il pericolo, dovreste mettere una cuffia a soffietto o almeno una terghetta con scritto "attenzione pericolo di pizzicarsi" o simili e segnalarlo nel manuale di uso.
O forse predisporre un pulsante di arresto di emergenza. O_/

Non esiste un pulsate d'arresto ma un interruttore industriale tipo questo https://it.rs-online.com/web/p/sezionatori-senza-fusibile/0466150?cm_mmc=IT-PLA-DS3A-_-google-_-PLA_IT_IT_Automazione_e_Controllo_di_Processo_Whoop-_-(IT:Whoop!)+Sezionatori+senza+fusibile-_-466150&matchtype=&pla-297902160959&gclid=EAIaIQobChMI8e3s_o7t6wIVRYjVCh2pXgZIEAQYAyABEgKwK_D_BwE&gclsrc=aw.ds può essere suffiente o serve anche un pulsante d'emergenza?
Per quanto riguarda quello da scrivere nel manuale o eventuale targhetta, può essere sufficiente fare presente possibili pericoli (anche se stiamo cercando tutti i modi possibili per eliminarli) per evitare problemi?

Grazie!
Avatar utente
Foto UtenteLars98
5 2
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 5 set 2020, 12:26

0
voti

[14] Re: Dubbio necessità certificazione

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 16 set 2020, 9:27

Appena letto l'ultimo messaggio:
1) forse basta interruttore industriale, ma non sono competente, attendi altri pareri.
2) Scrivere nel manuale costa poco, elencare pure tutti i pericoli, almeno puoi dire di averli elencati.

Chiarissimo, non appena avremo finito il tutto lo sottoporremo al test. Se dovesse essere necessario aggiungeremo schermature ove necessario.


Sono poco competente, scrivo le mie personali sensazioni.

I test purtroppo sono costosi e problematici (un 1k € ). Prendere provvedimenti è purtroppo costoso.
Queli dei disturbi irradiati sono da condurre in camera schermata semianecoica,
Trasporti l'apparato completo? con i mouse ? e se irradi di più sostiuisci i cavi di alimentazione con quelli schermati? ( Anche i cavi dei mouse ? )

Quelli condotti sui cavi di alimentazione avvengono tramite un adattatore (LISN ?) e un analizzatore si spettro. Se nno si superano si aggiunge un filtro di rete (prevederne lo spazio)
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
7.589 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3448
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[15] Re: Dubbio necessità certificazione

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 16 set 2020, 10:35

Lars98 ha scritto:(...) Avevamo tagliato le spiene, quelle che si collegano alla presa a muro (...)
adesso è chiaro, perché sin'ora hai scritto "prese" invece sono le "spine".
Lars98 ha scritto:(...) Riguardo la struttura è stato tutto opportunamente sovradimensionato, non abbiamo mai pensato a raggiungere il limite fisico dei pezzi. (...)
io mi riferivo alla massa elettrica, non a quella meccanica(materiale).

Lars98 ha scritto:(...) Per questo dovremmo aver risolto con la ciabatta? (...)
certamente ora è molto meglio, questo sempre a mio parere.
Tagliando la spina della ciabatta, come già scritto(ovvero alterando il prodotto), vengono meno le caratteristiche dello stesso.
In tal caso presumo che il cavo spelato sia stato collegato direttamente ai morsetti dei moduli: se a valle di questi ci fosse stata una presa(per la ciabatta) sarebbe stato meglio.

Buona continuazione @Lars98.

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
23,5k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6934
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

2
voti

[16] Re: Dubbio necessità certificazione

Messaggioda Foto Utentelomarcan77 » 5 ott 2020, 8:34

Parto da una premessa: non ho capito il tipo e l'entità del movimento in ballo, ma siete sicuri di ricadere in direttiva macchina e non nella ITC/AV? le problematiche sono diverse ma per certi punti la ITC è più ''facile'' da sostenere… il movimento può causare danni/ha rischio di interferire su qualcosa (anche solo rovesciarti una bibita che cade sul pavimento e ti fa scivolare, batti la testa e muori :D) è la domanda pertinente in questo caso. Ah, se è una scrivania potresti dare un'occhiata anche alle parti specifiche sul posto operatore, ci sono prescrizioni non intuitive.

Per quanto riguarda la parte elettromeccanica: tagliare e saldare non è proprio bellissimo… uno dei punti cardine della MD è la manutenibilità della macchina. Il fatto di mettere presa/spina (es. ciabatta, ma ti sfido a trovarne una a norma) è una possibilità, la soluzione classica in questo caso è una morsettiera in box elettrico (chiamarlo quadro forse è eccessivo, ma gli azionamenti da qualche parte li devi inscatolare).

Come ti hanno già raccomandato mi raccomando il bond equipotenziale (le messe a terra, per intenderci) e gli isolamenti: gli stepper tipicamente sono alimentati PELV (i 24 V, probabilmente) e quindi ci sono le regole corrispondenti. Valutare poi le tipologie e modalità di arresto (al 99% di tipo 0, ma va valutato). Sempre In base all'analisi rischi eventualmente predisporre sicurezze per fermare l'apparecchio se ci si avvicina troppo o simili (infrarossi, tiranti eccetera)… sfortunatamente deve essere tutta roba certificata quindi rischi di rimanerci povero ma non è detto sia necessario (se come dici è veramente lento E non ha forza per fare danni)

L'EMC dovresti farla *tutta* sulla macchina complessiva, e gli arduini non sono famosi per passarla senza intoppi. Idem per le schede di azionamento, gli stepper hanno delle emissioni mostruose (dipende dal tipo di azionamento) e non necessariamente te la pezzi con due ferriti sul cavo. Se il cablaggio è lungo probabilmente dovrà essere schermato, adatto per posa mobile (ripetitiva a seconda del tipo di movimento) ed eventualmente valutare choke di filtro (che sugli azionamenti economici non mettono mai). Emissioni condotte relativamente poco problematiche se gli alimentatori sono già a norma di per loro. Se sono cinesi non mi fiderei troppo, loro mentono sulle dichiarazioni :D
Avatar utente
Foto Utentelomarcan77
10 1 2
 
Messaggi: 15
Iscritto il: 17 lug 2011, 15:41

Precedente

Torna a Direttiva Macchine

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti