Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

trasformatore di isolamento

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] trasformatore di isolamento

Messaggioda Foto Utentehawk70 » 18 ott 2011, 14:29

Salve a tutti

una caldaia a gas (riello family cond 25 KIS) presenta delle anomalie di funzionamento che il centro di assistenza non riesce a risolvere. Dopo varie prove e misure, si è rilevata una tensione tra neutro e PE di qualche volt (dai 2 ai 5 V al più). I tecnici hanno quindi chiesto al proprietario di installare un trasformatore di isolamento a monte della caldaia per 'pulire' tale valore (dicono che la parte elettronica della caldaia è influenzata negativamente da questo) che potrebbe essere la causa di tutti i mali.
I miei dubbi sono:
Con il collegamento tramite trasformatore di isolamento, che fine fa la messa a terra della caldaia?
il fornitore di energia elettrica, contattato, ritiene tale valore di tensione sul neutro 'nella norma'; io non ho trovato norme del settore che specifichino limiti e tolleranze su questo valore. E' così?
Ho eseguito diverse misure sull'impianto per verificare eventuali anomalie: tensione F-N, F-PE, N-PE, frequenza, fattore di forma dell'onda. Pare tutto normale e meno della tensione N-PE. Qualche idea in merito?

Grazie mille.
Avatar utente
Foto Utentehawk70
0 2
 
Messaggi: 48
Iscritto il: 18 mar 2011, 15:06

1
voti

[2] Re: trasformatore di isolamento

Messaggioda Foto UtenteCandy » 18 ott 2011, 16:03

Una tensione dai 2 V a 5 V tra N e PE non vuol dire assolutamente nulla, tanto più se misurata male.
Innanzitutto, un valore di tensione simile a 50 Hz, tra N e PE, nei comuni sistemi TT, è normalissimo e fisiologico, anche misurando la tensione a bassa impedenza. Se poi la misura è stata fatta con un semplice multimetro, allora è il meno che ci si possa aspettare.

Mi sorprende invece che un centro assistenza sia stato tanto superficiale... Ci sarebbe l'Italia e l'Europa intera che avrebbero bisogno di un trasformatore di isolamento.

Innanzi tutto, puoi descrivere a che tipo di problemi vai incontro?
Avatar utente
Foto UtenteCandy
32,4k 7 10 13
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 10132
Iscritto il: 14 giu 2010, 22:54

0
voti

[3] Re: trasformatore di isolamento

Messaggioda Foto Utentemaxxy » 18 ott 2011, 16:14

Come al solito quando non si sa che pesci pigliare....si da la colpa alle cose più disparate negli anni ho sentito:
tensione di alimentazione poco pulita
troppe armoniche in rete
ci sarà qualche disturbo elettromagnetico in giro.
ecc...
ecc..
ecc..

Purtroppo il più delle volte è colpa dei tecnici poco preparati oppure come spesso accade, viene negata la sostituzione dell'apparecchio palesemente mal funzionante per evitare grane con l'azienda produttrice! ?%

Ognuno è un genio.
Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi,
lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido.
- Albert Einstein
Avatar utente
Foto Utentemaxxy
2.058 2 6 8
Master
Master
 
Messaggi: 1172
Iscritto il: 13 nov 2008, 10:08

0
voti

[4] Re: trasformatore di isolamento

Messaggioda Foto Utentehawk70 » 18 ott 2011, 16:16

la misura è stata eseguita con uno strumento professionale (marca ASITA) per le misure ed i collaudi degli impianti elettrici.
La caldaia praticamente si accende e spegna di continuo e quindi non riscalda l'acqua (che diviene appena tiepida). Mi è stato spiegato che nel bruciatore c'è una sonda a ionizzazione che rileva la presenza della fiamma (naturalmente è stata cambiata invano) che forse sta funzionando male. La caldaia lancia dei continui errori del tipo (leggo dal manuale Riello) 'presenza di fiamma parassita'.
Avatar utente
Foto Utentehawk70
0 2
 
Messaggi: 48
Iscritto il: 18 mar 2011, 15:06

0
voti

[5] Re: trasformatore di isolamento

Messaggioda Foto Utentemaxxy » 18 ott 2011, 16:19

hawk70 ha scritto: (leggo dal manuale Riello) 'presenza di fiamma parassita'.

Immagino che il manuale sia stato tradotto dal cinese all'italiano per mezzo del traduttore di google ! :D :D :D :D :D

Ognuno è un genio.
Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi,
lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido.
- Albert Einstein
Avatar utente
Foto Utentemaxxy
2.058 2 6 8
Master
Master
 
Messaggi: 1172
Iscritto il: 13 nov 2008, 10:08

0
voti

[6] Re: trasformatore di isolamento

Messaggioda Foto Utenteisd88 » 18 ott 2011, 17:08

non posso mettere bocca sull utilita o meno del trasformatore di isolamento anche se 2 volt forse sono il ripple che ha il mio neutro rispetto al pe :D

comunque rispondo alla domanda che fine fa la massa: se il trasformatore è ad isolamento doppio o rinforzato il circuito a valle dello stesso non può richiudere la corrente di guasto se non dal neutro. quindi a meno di non toccare 2 conduttori contemporaneamente è impossibile che l'oggetto in tensione sia pericoloso anche se ha un telaio metallico.

semplicemente è isolata, come se la tua caldaia fosse in classe II senza che effettivamente lo sia
Avatar utente
Foto Utenteisd88
918 1 6 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 576
Iscritto il: 27 feb 2007, 21:44

0
voti

[7] Re: trasformatore di isolamento

Messaggioda Foto Utentehawk70 » 19 ott 2011, 10:15

ma una caldaia è 'di fatto' messa a terra in quanto collegata a tubazioni di vario tipo....
Avatar utente
Foto Utentehawk70
0 2
 
Messaggi: 48
Iscritto il: 18 mar 2011, 15:06

0
voti

[8] Re: trasformatore di isolamento

Messaggioda Foto Utenteisd88 » 19 ott 2011, 10:19

ah è vero stiamo parlando di una caldaia, comunque l'elettronica SPERO sia disaccoppiata dalla parte di potenza!
Avatar utente
Foto Utenteisd88
918 1 6 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 576
Iscritto il: 27 feb 2007, 21:44

0
voti

[9] Re: trasformatore di isolamento

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 19 ott 2011, 10:44

Di solito le vecchie caldaie se messe sotto trasformatore di isolamento non funzionavano.

E` stato provato a scambiare i due conduttori di alimentazione (fase e neutro)? Sempre nelle vecchie caldaie la fase doveva essere su un determinato filo di ingresso, altrimenti il sensore di fiamma non funzionava o funzionava male.

Sulle caldaie piu` moderne non so se sia ancora vero, ma costa poco scambiare due fili.
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
104,0k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 18477
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

2
voti

[10] Re: trasformatore di isolamento

Messaggioda Foto Utentemagoxax » 19 ott 2011, 10:53

Se alimenti una caldaia tramite trafo di isolamento devi OBBLIGATORIAMENTE mettere a terra un polo del secondario.
Tanto per dirne una; senza il collegamento di messa a terra l' elettrodo di accensione non funziona.
Avatar utente
Foto Utentemagoxax
2.589 2 3 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1156
Iscritto il: 18 mar 2009, 14:56

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 32 ospiti