Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Lampadine basso consumo

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ

1
voti

[1] Lampadine basso consumo

Messaggioda Foto Utentestecca » 29 feb 2012, 20:11

E' da tempo che ho a che fare con queste "nuove" lampadine, credo tutti le abbiano provate, costano dai 4 ai 7 €uro (forse dipende dal periodo, dalle offerte, anzi, ultimamente ne trovo solo a partire da 7€ in su, anche nei centri commerciali, mistero...). Nella mia esperienza ho notato che:
1) consumano meno watt/h
2) costano di più di quelle classiche a tungsteno
3) bisogna attendere circa 30 secondi 1 minuto prima che faccia luce al 100% delle proprie capacità
4) La durata effettiva, la longevità delle lampadine non è come dichiarata dalle ditte produttrici, (10.000 diecimila ore contro 1000 mille di quelle al tungsteno) anzi, sembra non sia cambiato nulla rispetto a quelle al tungsteno, e forse durano anche meno. (ovviamente non ho usato metodi di misura precisi, ma grosso modo, così a tatto, ne cambio una ogni 3-4 mesi). Infine voglio precisare che l'utilizzo che faccio di queste lampadine a basso consumo è normale, "casalingo", non rimane mai accesa per oltre 5 ore di seguito.
Nasce il dubbio che: pagare il sovrapprezzo di una lampada a basso consumo che si brucia spesso, è come pagare meno soldi per una lampadina ad alto consumo (tungsteno) che si brucia spesso. Non so più quale vale la pena, forse il tungsteno non inquina come il mercurio delle lampadine basso consumo.


Qualcuno di voi le ha mai analizzate, nei componenti, come sono fatte?
Nella maggioranza dei casi le lampade fluorescenti che si sono rotte avevano un bruciatura interna (color nero), visibile nella parte inferiore dei tubi che contengono i gas. Qualcuno conosce i motivi di tali rotture?
Ultimamente un'altra lampadina si è rotta senza bruciature (forse un componente elettronico si è guastato)?
Le foto non sono di grande aiuto, in caso se ve ne capita una rotta sotto mano...
So che può sembrare inutile e difficile, ma sarebbe bello scoprire perché si rompono e magari trovare la soluzione a queste rotture.


Immagine

Uploaded with ImageShack.us

Immagine

Uploaded with ImageShack.us

Immagine

Uploaded with ImageShack.us
Avatar utente
Foto Utentestecca
35 2
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 29 feb 2012, 1:30

0
voti

[2] Re: Lampadine basso consumo

Messaggioda Foto Utentesteeveone » 29 feb 2012, 20:45

Ciao!

ho trovato questo: http://www.pavouk.org/hw/lamp/en_index.html
può essere un inizio?
Avatar utente
Foto Utentesteeveone
30 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 69
Iscritto il: 13 mag 2011, 1:11

0
voti

[3] Re: Lampadine basso consumo

Messaggioda Foto UtenteCandy » 29 feb 2012, 22:39

Io ti posso dire che, dopo aver montato le basso consumo, non le ho più cambiate, neanche in bagno, che è molto umido. Prima cambiavo una lampada a filamento quasi ogni quindici giorni, ora, è più di un anno che non tocco nulla.
Le abitudini sono rimaste le stesse, quindi i costi energetici si sono un poco alleggeriti.
Sui costi iniziale forse hai ragione... Io le avevo prese in offerta, a 4,00 € l'una, circa... Però mi sono praticamente scordato di loro.
Avatar utente
Foto UtenteCandy
32,4k 7 10 13
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 10138
Iscritto il: 14 giu 2010, 22:54

0
voti

[4] Re: Lampadine basso consumo

Messaggioda Foto Utentewoodcat » 29 feb 2012, 23:50

Mi permetto di esporre due considerazioni che prenderete con le pinze, essendo solo mie personali supposizioni.
Premesso che ho iniziato a sostituire gradualmente le lampadine a incandescenza con le CFL* a basso consumo quasi 20 anni or sono, con la speranza di risparmiare qualche soldino in bolletta, che la maggior parte delle lampadine in casa mia sono abbastanza ben ventilate e che periodicamente risolvo piccoli problemi di natura elettrica a miei parenti, ho i seguenti sospetti:
-probabilmente siamo invasi da una quantità di CFL economiche "fatte male" che costano poco e durano poco perché qualcosa al loro interno è sottodimensionato.
-dal tasso di mortalità di CFL montate in certi contesti dove la ventilazione è scarsa mi sorge il dubbio che esse siano assai sensibili ai surriscaldamenti, al contrario delle lampadine a incandescenza che resistevano molto meglio alle alte temperature, al limite cuocendo i portalampada ma sopravvivendo.
Sono curioso di conoscere altre opinioni in proposito.

*Compact Fluorescent Lamp
Avatar utente
Foto Utentewoodcat
2.895 1 5 11
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 14 feb 2012, 20:19

2
voti

[5] Re: Lampadine basso consumo

Messaggioda Foto Utente6367 » 1 mar 2012, 0:03

Allora, le lampadine CFL "soffrono" per i cicli on-off: più se ne fanno più ne accorci la vita.

Se si lasciano accese di fila, durano tantissimo, come promesso (ormai ho una esperienza più che trentennale!).

Aggiungo che esistono due altre categorie di lampade a "risparmio energetico":

- le alogene, che sono a incandescenza "migliorate"
permettono un risparmio sul consumo attorno al 30% rispetto ad una vecchia lampadina, ed una durata circa doppia

- le lampadine a LED, con durata e consumo non molto dissimile dalle CFL.
Ormai si trovano a prezzi "decenti" (almeno per chi è "curioso"): 40 W "equivalenti" di marca sui 10 euro, e fanno un'ottima luce, calda e morbida (nulla a che fare con le lampadine a LED di generazione più vecchia)

Entrambe, alogene e LED, a differenza delle CFL non soffrono degli on-off, e vanno benissimo in tutti i casi in cui si accendono e si spengono spesso.

Per maggiori informazioni si può vedere qui.
http://ec.europa.eu/energy/lumen/index_it.htm
Avatar utente
Foto Utente6367
18,7k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6053
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[6] Re: Lampadine basso consumo

Messaggioda Foto Utentestecca » 1 mar 2012, 17:17

Ho cercato un po' e al momento ho trovato che le maggiori rotture sono dovute al:
1) filamento interno (causa caldo freddo)
2) transistor (in sovraccarico appena accesa la lampada)
3) condensatori (in sovraccarico) e soprattutto il condensatore collegato ai filamenti.
Siccome la maggioranza di quelle che mi si sono bruciate erano visibilmente nere all'interno, dalla mia esperienza direi che è il filamento il maggior problema.
Mi domandavo se fabbricassero le lampade con un filamento più spesso che regge maggiormente gli sbalzi caldo freddo? O lo spessore farebbe variare anche la composizione del circuito?
Avatar utente
Foto Utentestecca
35 2
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 29 feb 2012, 1:30

0
voti

[7] Re: Lampadine basso consumo

Messaggioda Foto Utente6367 » 1 mar 2012, 17:30

Mi domandavo se fabbricassero le lampade con un filamento più spesso che regge maggiormente gli sbalzi caldo freddo?


Scusa, stiamo parlando delle normali lampade per uso domestico?
Non penso che sia interesse dei costruttori aumentare ancora di più la loro durata, soprattutto se questo dovesse aumentare i costi del prodotto.
Tanto più che adesso è il momento dello sviluppo della tecnologia LED.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,7k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6053
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00


Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 18 ospiti