Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

impianto elettrico di un bar

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto Utentelaurent » 4 ott 2012, 13:04

Salve , sono un giovane ingegnere cui è stata affidata la progettazione dell'impianto elettrico di un bar.
l'intenzione del committente è di recuperare tutto quanto sia possibile dall'impianto precedente , relativo ad un negozio. L'installatore ha realizzato le nuove linee, tipicamente da bar , lasciando intatti i circuiti luce e prese ed aggiungendo nuove linee in tal senso conformemente al mio progetto.
la fornitura è di 15 kW trifase e tra il gruppo di misura e il quadro bar è presente un MT. Il valore nominale di corrente de MT è di 63A con cavo FG7(O)R DA 3x16mmq in canalina a parete in PVC fino al quadro del bar con MT generale da 80A. Ho richiesto di togliere IL MT da 63 perché a mio avviso pleonastico e comunque non coerente con il dispositivo a valle. L'installatore si oppone in quanto cne classifica la bontà di installazione col ruolo di sezionatore....dunque sarei in errore. Vorrei un conforto oppure una cazziata. Sono giovane e con poca esperienza , ingegnere elettronico prestato agli impianti per esigenze lavorative e dunque in fase di apprendimento. Per cui con tutta l'umiltà di cui sono capace vi chiedo lumi.
Grazie a chi vorrà confortarmi e soprattutto a chi vorrà sgridarmi.
Avatar utente
Foto Utentelaurent
3 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 4 ott 2012, 12:50

0
voti

[2] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto UtenteDanielex » 4 ott 2012, 14:30

non è molto chiaro il discorso per me...
togliere IL MT da 63 perché a mio avviso pleonastico e comunque non coerente con il dispositivo a valle


1. cosa significa non "coerente" con il dispositivo a valle?
2. il ruolo di sezionatore al massimo lo possiamo dare all'MT 80A non sicuramente al 63A.
3. hai valutato la selettività?
4. hai realizzato il progetto tenedo conto di futuri ampliamenti e predisposizioni?



per avere risposte chiare è necessario valutare l'impianto nel suo insieme, partendo dai circuiti terminali. Prova a descivere più accuratamente l'impianto.
O_/
Ultima modifica di Foto UtenteGuerra il 4 ott 2012, 14:34, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: correzione funzione "quote"
Avatar utente
Foto UtenteDanielex
2.950 3 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2446
Iscritto il: 21 feb 2008, 18:18

1
voti

[3] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto UtenteMike » 4 ott 2012, 15:02

laurent ha scritto:la fornitura è di 15 kW trifase e tra il gruppo di misura e il quadro bar è presente un MT.


Ok, presumo entro 3 m dalla fornitura ed entro involucro a doppio isolamento.

laurent ha scritto: Il valore nominale di corrente de MT è di 63A con cavo FG7(O)R DA 3x16mmq in canalina a parete in PVC fino al quadro del bar con MT generale da 80A.



Ok, presumo sia un cavo 4x16 (3F+N) almeno che la fornitura non sia 230V 3F.

laurent ha scritto: Ho richiesto di togliere IL MT da 63 perché a mio avviso pleonastico e comunque non coerente con il dispositivo a valle. L'installatore si oppone in quanto cne classifica la bontà di installazione col ruolo di sezionatore....


Bah! Con 15 kW al massimo preleverai 25A (a 400V - 40A a 230V) per cui non ha tanto senso sostituire il MT sul QG con un sezionatore solo perché non è coerente. Nell'ottica costi/benefici non ottieni nulla spendendo di più.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,8k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14244
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[4] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto Utentelaurent » 4 ott 2012, 15:49

Salve, non mi aspettavo già tutta questa partecipazione, vi ringrazio.
Cerco di essere più specifico. L'impianto definitivo è diventato mio malgrado un adeguamento del mio progetto all'impianto preesistente di un a attività commerciale.LA situazione è la seguente:
-fornitura 15KW 3F+N cavo FG7(O)R 16mmq.
- tra il gruppo di misura ed il quadro bar è presente entro 3m dal gruppo di misura stesso e il quadro bar un quadretto con involucro con doppio isolamento recante un MT da 63A ed un differenziale presente dall'impianto dell'attività commerciale precedente.
- il quadro generale bar reca attualmente un interruttore generale MT da 80 A
- Io ho richiesto di togliere il mt da 63A perché non ne giustifico la presenza in relazione a quella del MT da 80
per questioni di selettività.
- Alla mia richiesta l'installatore ha detto di lasciarlo in quanto assolve al ruolo di sezionatore ....
Mi trovo nella spiacente situazione di ribadire la mia convinzione e presentare un progetto cui, mantenendo le cose come stanno, l'impianto non sarebbe conforme. A questo punto sono io che commetto un errore tecnico perché un po' scarso in esperienza e con poca "smaliziatezza tecnica" o lui?
Ho chiesto a Voi che siete 10 milioni di anni luce più scafati di me!
Vi ringrazio
Avatar utente
Foto Utentelaurent
3 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 4 ott 2012, 12:50

0
voti

[5] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto UtenteDanielex » 4 ott 2012, 16:09

mancano ancora tutte le info dell'impianto a valle (come sono suddivisi i circuiti?), ma provo comunque a dare una risposta.

Nell'ottica del risparmio io non toglierei assolutamente niente, il 63 A nel quadro esterno è grande ma protegge il cavo da 16 mm qunindi è ok, l'MT da 80 A ovviamente non serve a niente se non come generale di quadro (dunque sarebbe bastato un semplice sezionatore) ma non crea nemmeno problemi quindi può restare dov'è.
Avatar utente
Foto UtenteDanielex
2.950 3 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2446
Iscritto il: 21 feb 2008, 18:18

1
voti

[6] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto UtenteSerafino » 4 ott 2012, 16:50

beh un 63A ed un 80A hanno un che di differente... qui ballano 17A.
Dove stanno?
L'ometto che ha installato i condutoti ha rispettato le prescrizione per gli 80A o per i 63A?
Se ho ben compreso hai a valle un dispositivo di portata minore di quello a monte e quindi non ci sono problemi di protezione. Semmai continuo a chiedermi come mai 80 e 63 siano insieme...
Avatar utente
Foto UtenteSerafino
2.620 1 2 4
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1039
Iscritto il: 19 gen 2007, 19:39

1
voti

[7] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto Utenteattilio » 4 ott 2012, 17:01

Se ho ben compreso hai a valle un dispositivo di portata minore di quello a monte e quindi non ci sono problemi di protezione.

A me sembra l' esatto contrario.

Dovremmo sapere come è posato il montante, in determinate condizioni il cavo potrebbe arrivare anche alla portata di 80A, ma in ogni caso mi sembrerebbe troppo tirato come dimensionamento, quindi quel 63A anche in funzione della sua posizione direi che è meglio lasciarlo stare lì dove si trova.

Il problema di Foto Utentelaurent, se non ho capito male, riguarda l' eventuale selettività su corto, potrebbe di fatto intervenire il magneto da 63A al posto di quello nel quadro, ma data la remota possibilità dell' evento non ci vedo un grosso problema.

Saluti
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,4k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8582
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

1
voti

[8] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto UtenteMike » 4 ott 2012, 17:03

Il suo problema è solamente di carattere "estetico", dal punto di vista funzionale, tecnico e di sicurezza il problema non si pone, l'interruttore MT esistente da 4x80A può tranquillamente rimanere anche se a monte c'è un MT da 4x63A.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,8k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14244
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[9] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto Utentelaurent » 4 ott 2012, 17:24

Grazie
ragazzi, sono sorpreso dalla mole di informazioni che mi arrivano.
perché l'evento del corto dovrebbe ritenersi una remota possibilità.
Il corto è l'incubo che affolla i miei incubi di progettista!

:D
Avatar utente
Foto Utentelaurent
3 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 4 ott 2012, 12:50

0
voti

[10] Re: impianto elettrico di un bar

Messaggioda Foto Utentelaurent » 4 ott 2012, 17:29

Salve di nuovo...
e dimenticavo ...da un punto di vista "burocratico" delle carte progettuali ...riportare una "fotografia" più che del "costruito" del "lasciato stare dal tecnico installatore" non potrebbe rappresentare per chi se ne intende una bestialità progettuale appunto- dovrei presentare una mia prima versione progettuale ed una as built contemporaneamente ? O magari allego una relazioncina tecnica con alcune delucidazioni...e non rischierei di "danneggiare" l'installatore che realizza un impianto in qualche punto non conforme?

grazie
Avatar utente
Foto Utentelaurent
3 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 4 ott 2012, 12:50

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 14 ospiti