Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Acquisizione segnali da "campo"

PLC, servomotori, inverter...robot

Moderatori: Foto Utentecarlomariamanenti, Foto Utentedimaios

0
voti

[1] Acquisizione segnali da "campo"

Messaggioda Foto UtenteIngMar » 4 nov 2017, 15:56

Salve a tutti, mi sto affacciando ora al mondo automazione.
Vi spiego: devo collaborare con un azienda che fa sofware e automazione, e devo fornire una lista di segnali I/O per un PLC e inoltre una lista di sensori(ingressi dgitali e analogici, hanno parlato anche di "Interblocchi"). Il tutto perche bisogna automatizzare un impianto di smaltimento di pannelli fotovoltaici.
Al suo interno ci sono per lo piu motori asincroni trifasi che fanno muovere dei nastri. la mia domanda è quali sensori posso mettere per visualizzare MOTORE AVVIATO/NASTRO IN MOVIMENTO da collegare al PLC? non so se sono stato chiaro(non posso mettere una schema per ovvi motivi...)
Grazie in anticipo :ok:
Ultima modifica di Foto UtenteWALTERmwp il 4 nov 2017, 16:34, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Titolo reso più esplicito
Avatar utente
Foto UtenteIngMar
9 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 135
Iscritto il: 11 giu 2017, 11:05

1
voti

[2] Re: Acquisizione segnali da "campo"

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 4 nov 2017, 16:38

Ciao @IngMar, i sensori (nel caso si trattasse di sensori) vanno scelti in funzione di "cosa" devono rilevare ed anche in base all'applicazione.
Invece, per i motori potresti acquisire, ad esempio, il segnale dal contatto ausiliario dei teleruttori.

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
20,8k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5871
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

0
voti

[3] Re: Acquisizione segnali da "campo"

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 4 nov 2017, 18:07

Provo a fare qualche breve considerazione, forse banale:
Di solito i protagonisti dell'automatizzazione dell'impianto sono:
Il proprietario/utilizzatore dell'impianto,
il meccanico, che conosce l'impianto e le problematiche (coincide con il tecnico del proprietario)
il sistemista elettronico.
il softwarista.

Chi sceglie i sensori?, chi li monta ? Chi decide che dal punto di vista meccanico vanno bene?
Chi stende il diagramma di flusso, scrive le specifiche di cosa deve fare l'automazione?
Se la ditta di automazione opera da vari anni, possiede già un'esperianza sui sensori utilizzati, meglio chiedere che modelli ha utilizzato, è meglio utilizzare sensori già noti, anche per facilitare la gestione delle parti di ricambio.

Ora devo interrompere....forse proseguo dopo.

O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
5.187 2 6 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1769
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[4] Re: Acquisizione segnali da "campo"

Messaggioda Foto UtenteStefanoSunda » 4 nov 2017, 18:17

Al suo interno ci sono per lo piu motori asincroni trifasi che fanno muovere dei nastri. la mia domanda è quali sensori posso mettere per visualizzare MOTORE AVVIATO/NASTRO IN MOVIMENTO da collegare al PLC? non so se sono stato chiaro(non posso mettere una schema per ovvi motivi...)

Potresti avere la segnalazione del nastro in movimento oltre che dal contatto ausiliario del contattore nastro, da un controlla giri. Il numero di giri da controllare sarà impostato attraverso la selezione del set-point. Se i giri rilevati sono pari o superiori a esso, si avrà la commutazione del relè e l'accensione del led di segnalazione, un contatto ausiliario di tale relè potresti usarlo nel programma PLC. Inoltre se il nastro dovesse slittare per sovraccarico perderebbe giri e si avrebbe l'allarme.
Avatar utente
Foto UtenteStefanoSunda
2.078 3 6 9
Master
Master
 
Messaggi: 1433
Iscritto il: 16 set 2010, 19:29

0
voti

[5] Re: Acquisizione segnali da "campo"

Messaggioda Foto UtenteIngMar » 5 nov 2017, 11:33

StefanoSunda..è un ottima considerazione.
Rispondendo chi deve fare le scelte..le scelte sono state "accollate" a me, non avendo però nessuna esperienze del campo sensoristica\automazione, solo qualche informazione teorica dagli studi.
Sono aperto a tutte le considerazioni
Avatar utente
Foto UtenteIngMar
9 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 135
Iscritto il: 11 giu 2017, 11:05

0
voti

[6] Re: Acquisizione segnali da "campo"

Messaggioda Foto UtenteIngMar » 5 nov 2017, 11:35

Perdonami, per selezione set point, cosa intendi?
Ci sarebbero anche 5 pompe pneumatiche e delle pese nell'impianto.
Avatar utente
Foto UtenteIngMar
9 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 135
Iscritto il: 11 giu 2017, 11:05

0
voti

[7] Re: Acquisizione segnali da "campo"

Messaggioda Foto UtenteStefanoSunda » 5 nov 2017, 11:47

Perdonami, per selezione set point, cosa intendi?

La impostazione del numero di giri da controllare. Set-point = regolazione..
Avatar utente
Foto UtenteStefanoSunda
2.078 3 6 9
Master
Master
 
Messaggi: 1433
Iscritto il: 16 set 2010, 19:29

0
voti

[8] Re: Acquisizione segnali da "campo"

Messaggioda Foto Utenteattilio » 5 nov 2017, 11:49

Il contatto ausiliario del contattore non da garanzie se effettivamente il motore gira o meno, basta pensare che un asse puo schiavettare o una catena cinematica rompersi e quindi: motore in funzione e nastro fermo.
Si potrebbe pensare ad un encoder calettato sul pignone di uno dei rulli. Ma anche un sistema più elementare volendo.
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
57,3k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8385
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[9] Re: Acquisizione segnali da "campo"

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 5 nov 2017, 15:15

IngMar ha scritto:Perdonami, per selezione set point, cosa intendi?
Ci sarebbero anche 5 pompe pneumatiche e delle pese nell'impianto.
@IngMar, a mio avviso, le informazioni, se le devi fornire, tirale fuori tutte in una volta sola in modo tale che chi ti vuole rispondere può farlo con cognizione: è una questione di metodo.
C'è di mezzo una azienda d'automazione ma chi ha definito cosa ?
Esiste già una meccanica, delle utenze, un'elettronica di controllo (PLC) ?

In linea di massima, in base alla presunta gestione del "processo"(passami il termine) e alle logiche necessarie si desumono i segnali che servono: dovrebbe quindi esserci la consapevolezza di quali e quanti segnali (e sensori) occorrono per gestire l'automazione.
Se tu conosci esattamente come è fatto l'impianto e quello che deve fare(non lo so, non lo hai specificato) sei nelle condizioni, a mio parere, per mettere giù un elenco di I/O (almeno a livello di funzione), diversamente no.
Scrivo questo perché hai semplicemente menzionato come tua mansione la redazione di un elenco di segnali.

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
20,8k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5871
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

0
voti

[10] Re: Acquisizione segnali da "campo"

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 5 nov 2017, 15:31

@IngMar, Il lavoro di selezionare i sensori adatti è di responsabilità e non è semplice se non si parte copiando un impianto esistente o dalla esperienza accumulata.

Pongo domande, non essendo in grado di fornire risposte :-)

Il lavoro è stato acquisito a fronte di un capitolato e di una specifica tecnica di offerta?
Quale budget è stato previsto per i sensori e la stesura dei cavi ?
Quanti esemplari di sistemi automatizzati sono previsti? Uno solo ?
L'ambiente di lavoro è un laboratorio, una officina pulita, sporca, all'esterno ? pioggia, fango ?
Prevista affidabilità della automazione? settimane/mesi senza guasti? tempo di riparazione ?
MTBF MTTR ?

Per i sensori di velocità di rotazione guarda questi (i primi trovati nel web):
http://www.elensrl.it/prodotti/sensori/ ... -velocita/
Poi puà darsi che nessuno sia applicabile.


O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
5.187 2 6 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1769
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

Prossimo

Torna a Automazione industriale ed azionamenti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti