Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Sezionatori in scatola di derivazione

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Sezionatori in scatola di derivazione

Messaggioda Foto UtenteMiche » 7 feb 2019, 9:47

Buongiorno,
Avrei un quesito da porre: in un impianto elettrico vorrei rendere sezionabile i vari circuiti in modo abbastanza capillare soprattutto per semplificare la ricerca eventualu guasti (8 zone luci e 8 zone forza). Per evitare di usare una centralina di dimensioni notevoli ho pensato di inserire dei sezionatori nella cassetta di derivazione posta sotto alla centralina stessa. Verrebbe in aiuto la serie di cassette gewiss per domotica che integrano la barra din sul fondo.
Mi chiedevo quindi se l uso di sezionatori manuali all interno di cassette di derivazione fosse possibile o no secondo la normativa vigente.
Ringrazio anticipatamente,
Michele
Avatar utente
Foto UtenteMiche
0 2
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 4 feb 2019, 23:58

0
voti

[2] Re: Sezionatori in scatola di derivazione

Messaggioda Foto Utentelillo » 7 feb 2019, 9:54

sei borderline :D
se ho ben capito le tue intenzioni onestamente non ci vedo nulla di male, anche se per sezionare dovresti ogni volta aprire la scatola di derivazione.
Avatar utente
Foto Utentelillo
18,0k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3405
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

0
voti

[3] Re: Sezionatori in scatola di derivazione

Messaggioda Foto UtenteMiche » 7 feb 2019, 10:19

Innanzitutto ringrazio per la velocissima risposta.
Confermo che lo scopo è essenzialmente quello di agevolare la ricerca guasti e quindi l apertura della cassetta è una scomodità trascurabile.
La centralina avrà 2 MTD per luci e forza zona giorno, 2 MTD per luci e forza zona notte quindi c'è già una buona selettività. I sezionatori andrebbero a suddividere le alimentazioni di ogni singolo locale (alla fine uso un sezionatore invece di un semplice morsetto...).
L aumento del costo (100-200 euro) lo considero accettabile.
Grazie ancora per il supporto.
Avatar utente
Foto UtenteMiche
0 2
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 4 feb 2019, 23:58

0
voti

[4] Re: Sezionatori in scatola di derivazione

Messaggioda Foto UtenteLuky » 10 feb 2019, 12:18

Se utilizzi cassette apposite con barra din non credo ci siano controindicazioni ad installare dei semplici sezionatori. Potrebbero esserci controindicazioni per apparati che dissipano calore se lo spazio é ridotto.
Avatar utente
Foto UtenteLuky
573 5 10
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 411
Iscritto il: 8 set 2009, 14:31

0
voti

[5] Re: Sezionatori in scatola di derivazione

Messaggioda Foto UtenteJAndrea » 10 feb 2019, 12:38

Già che si deve aprire la cassetta di derivazione, perché non montare una semplice morsettiera, con un efficace marchiatura dei conduttori?
Se devi spendere, meglio una partenza in più come interruttore MTD...
Avatar utente
Foto UtenteJAndrea
2.857 2 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 1528
Iscritto il: 16 giu 2011, 15:25
Località: Rovigo

0
voti

[6] Re: Sezionatori in scatola di derivazione

Messaggioda Foto UtenteRedlight » 12 feb 2019, 11:43

Se è un nuovo impianto, sarebbe meglio suddividere le linee nel quadro elettrico. Se invece l'impianto è esistente non credo che manipolare le cassette di derivazione sia una buona idea, specie se esiste già una dichiarazione di conformità fatta da qualcun altro per quell'impianto.
Avatar utente
Foto UtenteRedlight
48 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 84
Iscritto il: 7 ago 2018, 15:28

0
voti

[7] Re: Sezionatori in scatola di derivazione

Messaggioda Foto Utentemagoxax » 12 feb 2019, 12:07

Foto UtenteMiche, hai preso in considerazione di usare dei morsetti sezionabili?
Avatar utente
Foto Utentemagoxax
2.589 2 3 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1156
Iscritto il: 18 mar 2009, 14:56

0
voti

[8] Re: Sezionatori in scatola di derivazione

Messaggioda Foto UtenteMiche » 20 mar 2019, 16:58

Grazie a tutti per le risposte.
Alla fine sto optando per morsetti equipotenziali che consentono in modo quasi altrettanto semplice il sezionamento dei circuiti. L'impianto non è ancora stato realizzato in quanto sto aspettando di ristrutturare; cosa che avverrà a breve.
Quindi morsetti equipotenziali ed etichette dovrebbero assolvere allo scopo.
Nel frattempo mi è sorto un altro dubbio relativo al differenziale a protezione dei bagni.
L' idea iniziale era quella di sezionare i circuiti luce/forza (sia per zona giorno e zona notte) proteggendo con differenziale da 0.03A ma così facendo i bagni risultano anch'essi protetti dal differenziale 0.03 come tutto il resto dell'impianto.
Ho letto che la nuova normativa prevede differenziali con sensibilità maggiore (per esempio 0.01A).
Stavo quindi pensando di mettere un magnetotermico differenziale per serie civile (con sensibilità 0.01A) nella 504 all'esterno del bagno e di alimentare tutto il bagno a valle del magnetotermico.
Per fare questo dovrei usare un MT da 16A dato che nel bagno ci sono anche carichi elevati (lavatrice).
Facendo così pero' tutto il bagno (luce e forza) verrebbe alimentato dalla stessa linea, quindi non ci sarebbero piu sezionamenti nei bagni.
È un approccio corretto?
Ho già visto questi magnetotermici differenziali per serie civile all'esterno dei bagni ma non mi sono mai chiesto se TUTTO l impianto del bagno venisse ad esso collegato o solo le prese.
A rigor di logica direi che sarebbe da proteggere tutto ma non ho trovato discussioni/normative a riguardo.
Ringrazio anticipatamente chi volesse delucidarmi.
Saluti,
Michele
Avatar utente
Foto UtenteMiche
0 2
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 4 feb 2019, 23:58


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 29 ospiti