Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

8
voti

Connessione Adsl - Vdsl. Come ottimizzare la connessione di Casa

Indice

Introduzione

L'impiantistica delle nostre case si dovrebbe adeguare al cambiamento in atto nelle tecnologie che stanno avanzando in ambito telefonico.

Ma è davvero cosi?

Siamo consapevoli di quale sia tecnicamente la scelta piu adatta e come collegare modem, filtri, telefoni per utilizzare al meglio la linea Adsl o Vdsl che arriva dentro casa?

Visto l'importanza in epoca COVID di avere una connessione internet affidabile e stabile, dato che molti lavorano e studiano da casa, ho pensato di proporre una piccola guida che spero serva a togliere ogni dubbio.

Un normale impianto di casa di qualche anno fa...

Gli impianti telefonici qualche anno fa avevano diversi telefoni e suonerie collocati in giro per casa.


Qualcuno aveva tutto in parallelo, qualcuno usava l'impianto a spina, qualcuno aveva i deviatori non c'erano regole ma siccome funzionava tutto, nessuno si dava molta pena.

La maggior parte erano partiti con un solo telefono ma alla fine molti erano in questa situazione.
Ecco un esempio della situazione domestica con solo servizio telefonico.


Osserviamo questo disegno :

Vediamo il cavo telefonico che entra in casa.

Questo cavo è un doppino intrecciato che proviene dalla terminazione del cavo e raggiunge la prima presa o presa principale.

Una volta tutti gli impianti avevano spine tripolari (quelle coi tre fori disposti a triangolo).

Poi sempre tramite il solito doppino vengono raggiunti tutte le prese di telefoni cordless e fissi e le suonerie.

Per semplicita di illustrazione, mettiamoci nella condizione peggiore, tutti gli apparecchi sono in parallelo.

Le connessioni e le giunte sono realizzate attorcigliando i fili e un po di nastro, tanto quando arriva la corrente di chiamata a 70v 25Hz la corrente è tale che i conduttori se giuntati male si saldano per scarica capacitiva e i contatti si rinnovano tutte le volte che suona il telefono.

Sono tollerati fino a 5 dispositivi sulla linea tra suonerie e telefoni.

Ognuno di questi ha un condensatore fino ad 1 uF con in serie la bobina della suoneria in parallelo alla linea.

Arriva INTERNET

2020_modemP.jpg

2020_modemP.jpg

Chi non ricorda questo modem ?

Fino alla prima metà degli anni 2000 in molte case si staccava il telefono e al suo posto si collegava un modem come questo.

Si sentiva la selezione, la portante e l'handshake col modem remoto nel piccolo altoparlante ... e poi si era connessi in INTERNET alla fantastica velocità (massima) di 56Kb/s e nessuno poteva telefonare.

Sembra preistoria invece sono passati solo 15 anni.



Arriva L'Adsl

Purtroppo come tutte le tecnologie in evoluzione quello che fino a qualche anno fa sembrava abbastanza ora non lo è piu.

Il telefono sempre occupato, solo 56Kb/s di velocità cominciano ad andare stretti a molte realtà.

Improvvisamente arriva un nuovo servizio sulla linea gia esistente e qui nascono le prime incomprensioni.

Questo servizio viene ottenuto utilizzando la banda fino a 2.2Mhz sul normale doppino telefonico.

Ed ecco la domanda fondamentale: Dove collego il modem Adsl e il filtro dove lo metto?

Parliamo un attimo del filtro.

Quelli usati normalmente hanno tre plug Rj11.

-Uno spesso maschio con la scritta Line e va connesso alla linea che arriva dalla centrale.

-Uno femmina con la scritta Tel e ci va connesso il telefono.

-Uno femmina con la scritta Adsl o Modem e ci va attaccato il modem.

Se il modem è attaccato ad una presa e alla stessa presa non devo attaccare anche un telefono il filtro non serve.


Quindi il filtro va messo su ogni telefono e serve a non sentire la modulazione del modem durante una conversazione e a fare in modo che il condensatore della suoneria del telefono non vada ad attenuare il segnale del modem.

Quindi il primo passo doveva o poteva essere questo:


Qui vediamo come in origine si collegavano i modem Adsl su un impianto esistente.


Per chiarezza sono stati aggiunti dei condensatori disegnati a fianco delle prese tripolari per evidenziare alcune tipologie di spine usate negli impianti piu vecchi che contengono al loro interno un condensatore sempre da 1 uF.


se viene tolta la spina del telefono il condensatore viene connesso alla linea.


Cio che gia sullo schema balza gia agli occhi è che le suonerie non sono connesse tramite il filtro e quindi stanno "disturbando" la banda del modem.

Poi si è capito che le spine tripolari davano problemi e adesso si montano esclusivamente quelle a Plug Rj11.

Anche le connessioni prima solo attorcigliate ora ci si è accorti che andrebbero saldate perche in casa il telefono squilla sempre di meno e i falsi contatti sono fonte continua di problemi.
Per migliorare questa configurazione occorre togliere le suonerie o spostarle a valle dei filtri.
Se sono presenti spine inutilizzate aprirle ed eliminare il condensatore interno se ancora presente.
Eliminare tutte le code e le derivazioni inutilizzate per eliminare le riflessioni egli echi sulla linea.

Come dovrebbe essere trasformato un impianto ADSL

Alla luce di quanto detto vediamo come dovrebbe effettivamente essere trasformato l'impianto per permettere al modem Adsl di dare il suo massimo.

Vediamo che ora gli impianti sono diventati due e fanno capo a due prese Rj11.

Una prima vede direttamente il cavo che arriva dalla centrale senza derivazioni anche se non ci sono utilizzatori (code) e senza giunti attorcigliati e non saldati.

Una seconda vede tutto il nostro impianto di casa con i telefoni ed eventuali suonerie.

In mezzo c'è il filtro che divide correttamente cio che deve arrivare al modem da cio che deve arrivare ai telefoni.

Se il modem è nella prima presa di casa tutto bene se invece è nella camera piu lontana occorre tirare a un nuovo cavetto per separare le due linee e cio puoi essere un problema in case con tubazioni gia strapiene, mobili da spostare, scatole di derivazione dimenticate ecc.

Sta di fatto che per l'Adsl fino a 20Mb è la soluzione ottimale per quanto osteggiata da tutti gli impiantisti a causa del lavoro in piu che comporta.
E abbiamo anche un ulteriore vantaggio.

Questa configurazione è propedeutica al passaggio indolore alla connessione Vdsl di cui parleremo dopo quindi in caso di lavori meglio gia orientarsi in questa direzione.

Come dovrebbe essere trasformato un impianto Vdsl

Per vdsl si intende un collegamento su doppino con velocita compresa tra 30 e 200Mb dipendentemente dal profilo (in funzione di contratto e distanza tra casa e armadio).
Sulla linea viaggia esclusivamente il segnale del modem.


La modulazione Vdsl copre la banda 0-12-17-35Mhz secondo il profilo.

Si capisce quanto sia delicato un tale collegamento gestito su cavo a coppie simmetriche quindi sono da applicare in modo stringente le prescrizioni gia viste.
Infine il servizio telefonico classico è trasportato tramite Voip fino al modem (non viaggia sulla linea come nel caso dell'Adsl) e fornito sul plug posteriore cui può essere connesso il nostro vecchio impianto o telefono se presente.

Riassumendo:

Tutte le giunte saldate.
Tutte le prese Plug Rj11 da evitare le prese tripolari e gli adattatori di ogni genere.
Non si usano piu i filtri in nessuna situazione.
Eliminare tutte le code e le derivazioni inutilizzate per eliminare le riflessioni e gli echi sulla linea.

Di chi è la competenza?

A prescindere da quanto succedeva un tempo ora la regola applicata risulta la seguente:

Fino alla Prima presa è prevista la manutenzione e la riparazione di ogni guasto e l'intervento è compreso nel canone di abbonamento.

Il resto dell'impianto è completamente a nostro carico (realizzazione e manutenzione)

Quindi se il guasto alla linea adsl è causato da qualche altro problema oltre la prima presa, ad esempio si è guastato un filtro sull'ultimo telefono e lui mette in corto tutto l'impianto, il tecnico è tenuto ad addebitarci il suo intervento.

Ed ecco un motivo ulteriore per rendere differenziati i due impianti come già consigliato precedentemente.

Conclusioni

Se avete voglia di migliorare il vostro impianto di casa e non sapete come fare penso di aver spiegato in modo abbastanza dettagliato come bisognerebbe agire per rimuovere le anomalie e le storture accumulate sugli impianti con il passare del tempo.

In alcune situazioni è difficile o impossibile da farsi in altre è addirittura semplice e comunque vi darà modo di sfruttare al meglio questa tecnologia.

1

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

stefanopc ha scritto:
le connessioni prima solo attorcigliate ora ci si è accorti che andrebbero saldate perche in casa il telefono squilla sempre di meno e i falsi contatti sono fonte continua di problemi.
.. una soluzione corretta, che nel mio caso a suo tempo, risolse problemi di crash e proprio per un falso contatto su una coppia di conduttori attorcigliati e brutalemnte nastrati; reintestati, saldati ed isolati con termoretraibile difetto sparito Interessante ed utile articolo, ben fatto .

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.