Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Spiegazione PID

PLC, servomotori, inverter...robot

Moderatori: Foto Utentedimaios, Foto Utentecarlomariamanenti

0
voti

[1] Spiegazione PID

Messaggioda Foto Utentesorecaro » 10 ago 2018, 15:43

Salve a tutti, lo so che è un argomento trattato più volte ma sto facendo molta confusione con i vari termini.
Mi potete spiegare in modo chiaro i vari termini ???
Grazie a chi mi può e vuole aiutare
Avatar utente
Foto Utentesorecaro
36 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 233
Iscritto il: 26 feb 2013, 19:30

0
voti

[2] Re: Spiegazione PID

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 10 ago 2018, 15:47

stai facendo la stessa domanda da tre anni

viewtopic.php?f=8&t=59241

?% ?% ?%
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
9.942 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2983
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[3] Re: Spiegazione PID

Messaggioda Foto Utentesorecaro » 10 ago 2018, 16:07

Lo so. Sicuramente è un mio limite, ma non riesco a capirli
Avatar utente
Foto Utentesorecaro
36 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 233
Iscritto il: 26 feb 2013, 19:30

0
voti

[4] Re: Spiegazione PID

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 10 ago 2018, 16:17

Può darsi che la tua difficoltà stia nel mettere d'accordo il PID con la teoria generale?
L'accordo è parziale nel senso che il PID è un buon regolatore, utile in moltissimi casi pratici, ma non equivale a tutti i possibili regolatori realizzabili, neppure nel campo lineare.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.439 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3305
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

1
voti

[5] Re: Spiegazione PID

Messaggioda Foto Utentesorecaro » 10 ago 2018, 16:28

Purtroppo non riesco a comprendere come nella realtà cambia la regolazione se cambio ad esempio il valore integrale o derivato. Cerco di fare un esempio. Ipoteticamente ho un pid con questi valori. P=1.5 I= 55secondi D= 32secondi. Cosa vuole dire nella pratica?? Se la I la imposto a 40 secondi cosa succede?? Ì vari termini in modo teorico li ho capito, ma nella pratica no
Avatar utente
Foto Utentesorecaro
36 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 233
Iscritto il: 26 feb 2013, 19:30

5
voti

[6] Re: Spiegazione PID

Messaggioda Foto Utentedimaios » 10 ago 2018, 23:17

sorecaro ha scritto:......Cerco di fare un esempio. Ipoteticamente ho un pid con questi valori. P=1.5 I= 55secondi D= 32secondi. Cosa vuole dire nella pratica?? Se la I la imposto a 40 secondi cosa succede?? Ì vari termini in modo teorico li ho capito, ma nella pratica no


Un PID senza specificare il processo non ha alcun senso pratico.
Per capire gli effetti dei vari parametri nella regolazione di processo devi considerare il PID con il processo in un loop chiuso.

Guarda la tabella in questo articolo della National Instruments.
Link
Ingegneria : alternativa intelligente alla droga.
Avatar utente
Foto Utentedimaios
28,7k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3211
Iscritto il: 24 ago 2010, 14:12
Località: Behind the scenes

0
voti

[7] Re: Spiegazione PID

Messaggioda Foto Utentestardust79 » 13 ago 2018, 16:29

dimaios ha scritto:Guarda la tabella in questo articolo della National Instruments.
Link


Ciao. Nell'articolo National Instruments al paragrafo 5-6-7-8 si dice che la funzione di anello chiuso é X(s)/F(s) ma non dovrebbe essere del tipo Y(s)/R(s) ??? (vedi paragrafo 1).

Se in un anello chiuso ho l'ingresso che subito va nel nodo sommatore del feedback per ottenere l'errore, che senso ha mettere come fdt la frazione con numeratore uno spostamento e denominatore una forza?
Grazie ciao.
Avatar utente
Foto Utentestardust79
60 1 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 168
Iscritto il: 24 dic 2013, 18:13

4
voti

[8] Re: Spiegazione PID

Messaggioda Foto Utentedimaios » 13 ago 2018, 17:18

Non vi è nessuna contraddizione.
Nell'esempio in oggetto la forza F(s) è l'ingresso mentre lo spostamento X(s) è l'uscita da cui la funzione di trasferimento.
La simbologia iniziale è quella convenzionalmente utilizzata per spiegare la teoria mentre nell'esempio riferimento ed uscita hanno il nome reale ovvero forza e spostamento.
Ingegneria : alternativa intelligente alla droga.
Avatar utente
Foto Utentedimaios
28,7k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3211
Iscritto il: 24 ago 2010, 14:12
Località: Behind the scenes

0
voti

[9] Re: Spiegazione PID

Messaggioda Foto Utentestardust79 » 13 ago 2018, 17:24

dimaios ha scritto:Non vi è nessuna contraddizione.
Nell'esempio in oggetto la forza F(s) è l'ingresso mentre lo spostamento X(s) è l'uscita da cui la funzione di trasferimento.
La simbologia iniziale è quella convenzionalmente utilizzata per spiegare la teoria mentre nell'esempio riferimento ed uscita hanno il nome reale ovvero forza e spostamento.


grazie. MA in un anello chiuso, ingresso ed uscita non devono essere per forza la stessa variabile ?
di cui: ingresso : Setpoint: valore desisderato ; uscita : PV : process value o valore attaule della stessa varibiale.

Non si puo' sommare algebricamente nel nodo sommatore dell'errore una forza con uno spostamento
Avatar utente
Foto Utentestardust79
60 1 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 168
Iscritto il: 24 dic 2013, 18:13

5
voti

[10] Re: Spiegazione PID

Messaggioda Foto Utentedimaios » 13 ago 2018, 18:05

Come ti dicevo quella è la funzione di trasferimento del processo, il controllore viene sintetizzato su questa ed insieme vengono chiuse in loop.
Ingegneria : alternativa intelligente alla droga.
Avatar utente
Foto Utentedimaios
28,7k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3211
Iscritto il: 24 ago 2010, 14:12
Località: Behind the scenes

Prossimo

Torna a Automazione industriale ed azionamenti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti