Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Armoniche

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Armoniche

Messaggioda Foto UtenteToniidee » 12 feb 2019, 14:05

Buongiorno ragazzi ho letto l articolo molto interessante sulla potenza deformante , vorrei gentilmente chiarimenti su I termini var ,VBr ,Vq e Iq .Vorrei chiedere come mai teniamo conto solo di armoniche dispari, sono le uniche che si sommano alla fondamentale? Come si producono armoniche pari , ci interessano,le trascuriamo?Come sommiamo graficamente terza armonica e fondamentale? Vorrei un esempio pratico.Chiedo a chi progetta e fa manutenzione ai grossi impianti , si tiene veramente conto delle armoniche ? O riusciamo a eliminarle facilmente? Sui carichi arrivano effettivamente correnti e tensioni deformante ?

Distinti Saluti
Avatar utente
Foto UtenteToniidee
0 2
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 27 ago 2018, 0:58

0
voti

[2] Re: Armoniche

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 12 feb 2019, 15:03

Dovresti indicare l'articolo che hai letto in modo da capire a quale contesto si applica, distribuzione in BT, reti di trasmissione in AT...
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
103,6k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 18424
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

0
voti

[3] Re: Armoniche

Messaggioda Foto UtenteStefanoSunda » 12 feb 2019, 20:44

Nel caso particolare delle grandezze interessanti l’elettrotecnica non si ha tuttavia mai armoniche pari, ma solo armoniche di ordine dispari, come sarebbero la 3°, la 5°, la 7°, la 9° e la 11°.

L’impiego dei componenti elettrici con dispositivi elettronici (motori a velocità variabile, raddrizzatori statici, inverter ) provoca la circolazione di armoniche nella rete elettrica.

Per ovviare alle sovratensioni in conseguenza delle armoniche si possono utilizzare: condensatori sovradimensionati in tensione, ad esempio 440 V per reti a 400 V (+10%); cc filtri antiarmoniche che devono essere opportunamente calcolati in funzione dello spettro di armoniche presenti nella rete.
Avatar utente
Foto UtenteStefanoSunda
2.203 3 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 1534
Iscritto il: 16 set 2010, 19:29

1
voti

[4] Re: Armoniche

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 12 feb 2019, 21:13

L'argomento e' molto vasto e complicato (power quality).

Toniidee ha scritto:vorrei gentilmente chiarimenti su I termini var ,VBr ,Vq e Iq

Probabilmente ti riferisci alle grandezze che compaiono nell'analisi armonica nelle trasformate di Park e Clarke.

Toniidee ha scritto:Vorrei chiedere come mai teniamo conto solo di armoniche dispari, sono le uniche che si sommano alla fondamentale?

No, se presenti si sommano anche quelle pari e la componente continua della grandezza elettrica in esame.

Toniidee ha scritto:Come si producono armoniche pari , ci interessano,le trascuriamo?

Ad esempio in presenza di dissimmetria fra semionda positiva e negativa della tensione o corrente.
Se presenti, e' necessario considerarli. Inoltre potrebbero essere accompagnati anche da una componente continua mal vista dalle parti magnetiche delle macchine elettriche.

Toniidee ha scritto:Come sommiamo graficamente terza armonica e fondamentale?

Come sommi due funzioni?
Questo e' uno dei problemi fondamentali dell'uso eccessivo (ed esclusivo) dei software. Introducono questi dubbi che non dovrebbero esistere.
Ti consiglio di disegnare (a mano su un foglio di carta) una sinusoide, la relativa terza armonica e anche la quinta. Almeno un paio di periodi della fondamentale.
Poi inizi a sommare, a pari ascissa, le tre ordinate. La curva risultante e' la "sinusoide" distorta dalla terza e quinta armonica.
Ripeti il procedimento fino al sanguinamento delle mani :mrgreen:
Ti assicuro che non avrai piu' un dubbio del genere.


Toniidee ha scritto:Chiedo a chi progetta e fa manutenzione ai grossi impianti , si tiene veramente conto delle armoniche ?

Se e' necessario, si tiene conto anche di questo aspetto.
Si possono fare diversi esempi. Molti.
Un esempio tipico e' la progettazione di banchi di rifasamento.
Un utente abbastanza importante (dal punto di vista elettrico) vedeva continuamente in fuori servizio il proprio impianto di rifasamento (condensatori letteralmente bruciati).
A molti kilometri di distanza si trovava un secondo importante utente (sempre dal punto di vista elettrico). Le lavorazioni di questo secondo utente-carico introducevano armoniche non trascurabili in rete.
Il progettista del primo utente, probabilmente sicuramente un Wikinardo Da Vinci, non considero' questo aspetto: kilometri di distanza? Serve il gps per arrivarci...
Peccato che la distanza elettrica fosse praticamente trascurabile e il banco di rifasamento fungeva da via di richiusura preferenziale per le armoniche.
Un giorno si' e l'altro pure i condensatori si bruciavano in quanto mal progettati.


Toniidee ha scritto:O riusciamo a eliminarle facilmente?

E' possibile eliminarle piu' o meno facilmente.

Toniidee ha scritto:Sui carichi arrivano effettivamente correnti e tensioni deformante ?

In presenza di dissimmetrie e senza alcuna precauzione, i carichi sono alimentati da forme d'onda distorte.
Tieni conto che già in uscita da un alternatore, anche in assenza di carichi non lineari, non abbiamo tensioni sinusoidali.

Le armoniche che tu definisci pari e dispari non sono le uniche armoniche esistenti. Le armoniche che tu hai in mente sono le cosiddette armoniche intere.
Una classificazione generale prevede la suddivisione in armoniche di spazio e di tempo. Ciascun gruppo si suddivide in armoniche intere, sub-armoniche e interarmoniche.
Chi si occupa di macchine ed azionamenti elettrici dovrebbe conoscerle abbastanza bene.

In generale, gli effetti delle armoniche sono deleteri (aumento delle perdite, distorsioni della caratteristica coppia-velocita' delle macchine rotanti, stress elettrico degli isolanti, aumento dell'effetto pelle e di prossimità, sovraccarico nel conduttore di neutro nei sistemi trifase a quattro fili, maggiore c.d.t., esaltazione dell'effetto corona, problemi negli strumenti di misura, aumento dei consumi, aumento delle interferenze e cosi' via).
Come vedi, limitarsi alle sole armoniche dispari e' riduttivo. Non e' un approccio ingegneristico corretto: bisogna valutare la situazione e l'ambiente (elettrico e meccanico) circostante.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
8.800 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2768
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[5] Re: Armoniche

Messaggioda Foto UtenteToniidee » 13 feb 2019, 11:41

Ragazzi buongiorno i termini a cui mi riferivo sono indicati in un articolo ,l' unico sulla potenza deformante del Dottor Martini D=radice di sommatoria che va da r,q a infinito Vr^2Iq^2+Vq^2 Ir^2......= .
Avatar utente
Foto UtenteToniidee
0 2
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 27 ago 2018, 0:58

0
voti

[6] Re: Armoniche

Messaggioda Foto Utentelillo » 13 feb 2019, 11:46

metti il link all'articolo.
Avatar utente
Foto Utentelillo
17,6k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3337
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

0
voti

[7] Re: Armoniche

Messaggioda Foto Utenteelettro » 13 feb 2019, 12:49

A titolo informativo, riporto la sintesi di un articolo che ho letto in ordine al contributo armonico di alcuni dispositivi…

Un dispositivo dimmer a taglio di fase a triac può determinare una THD del 38%...non male..
Così come una plafoniera Led ed una a tubi neon con alimentatori ferromagnetici…

Secondi uno studio di un ente USA, le armoniche producono anche la riduzione rilevante della vita media degli utilizzatori, oltre che a malfunzionamenti.
Avatar utente
Foto Utenteelettro
903 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2774
Iscritto il: 9 mar 2005, 19:23


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti