Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Applicazione impianto di terra su TN-C

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

2
voti

[11] Re: Applicazione impianto di terra su TN-C

Messaggioda Foto Utentelillo » 12 mar 2019, 12:25

dopo essere entrato in circa un migliaio di industrie distribuite più o meno su tutto il suolo italico, di ogni tipologia ed estensione, io il TN-C, non l'ho mai trovato.
in un paio di occasioni dove c'era un progettista degno di questo nome, c'era un TN-C-S, ma sono casi più unici che rari.
il differenziale non è un retaggio del passato, è semplicemente inutile nei TN-C: non interverrebbe in caso di guasto non riuscendo a rilevare alcuno squilibrio tra le correnti.
comincia ad avere un ruolo nei TN-S, nei quali la possibilità di ometterlo esiste, previo calcolo della corrente minima di guasto a massa a partire dall'impedenza di anello di guasto. c'è tuttavia da aggiungere che questo coordinamento viene effettuato nell'ipotesi di guasto franco, infatti una resistenza di guasto aggiuntiva abbatterebbe la corrente di guasto impedendo alle protezioni di intervenire nei tempi dettati dalla curva di sicurezza.
ragion per cui l'utilizzo del differenziale ha preso piede anche in TN-S: ho visto spesso dorsali in partenza dal power center protette dal guasto a massa con relè differenziali tarati a correnti superiori a 10 A proprio per ovviare a questo problema.
in aggiunta c'è da dire che in luoghi particolari, ad esempio in ambienti MARCI e per alcune tipologie di condutture, per poter scrivere sulla Di.Co. di aver rispettato la 64-8, è necessario installare un differenziale da, se non ricordo male, almeno 300 mA, ma correggetemi se sbaglio che non ho le informazioni sotto mano.

stiamo comunque andando OT visto che l'impianto è in Austria, e Foto Utente6367 ha già risposto in maniera esaustiva.
Avatar utente
Foto Utentelillo
18,0k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3408
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

3
voti

[12] Re: Applicazione impianto di terra su TN-C

Messaggioda Foto Utente6367 » 12 mar 2019, 13:12

Qualche ripasso.

Un TN-C ha un difetto principale. In caso di interruzione del PEN, senza alcun altro guasto, le masse assumono una tensione pericolosa. Se nella distribuzione pubblica il PEN può essere “garantito” e per questo di solito è messo a terra in più punti sino all’edificio, questo non si può dire per un PEN che circola all’interno di un impianto utilizzatore, soprattutto domestico non soggetto a manutenzione o –peggio – soggetto a manutenzione alla carlona.

I differenziali (30 mA) in un TN sono usati almeno per la famosa protezione addizionale, richiesta per esempio per i circuiti prese domestici e per i bagni.

Inoltre, i differenziali in un TN sono utili per proteggersi dai guasti non franchi (vabbè che ci sono anche gli AFDD oggi), o in caso di linee lunghe. Tutti i casi in cui la protezione da corto circuito potrebbe non intervenire tempestivamente.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,8k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6065
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[13] Re: Applicazione impianto di terra su TN-C

Messaggioda Foto Utentecolombino82 » 12 mar 2019, 21:11

Nessuno discute l'utilità dei differenziali ma in un sistema TN la normativa non li impone questo è un dato di fatto tranne nei luoghi a maggior rischio incendio.
Avatar utente
Foto Utentecolombino82
-38 1 2
Utente disattivato per decisione dell'amministrazione proprietaria del sito
 
Messaggi: 40
Iscritto il: 8 feb 2019, 11:34

0
voti

[14] Re: Applicazione impianto di terra su TN-C

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 12 mar 2019, 22:07

Nella versione frittella sbagliavi "solo" i potenziali dei centri stella e le correnti di cortocircuito.
Dopo la resurrezione, invece, sei in grado di scrivere inesattezze in qualsiasi tuo post.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
9.747 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2905
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 20 ospiti