Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Dinamo bicicletta per alimentare dispositivi

Tecniche per la costruzione e la riparazione di apparecchiature elettriche e non. Ricerca guasti. Adattamenti e riutilizzazioni

Moderatore: Foto Utentestefanob70

0
voti

[61] Re: Dinamo bicicletta per alimentare dispositivi

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 6 lug 2020, 13:47

Ciao Elyon,
da quando richiurci e Pietro mi hanno messo in guardia sui rischi derivanti dalle batterie al litio sono diventato un po’ più cauto ma dal momento che la tua intenzione sarebbe di utilizzare batterie Ni MH, credo che i rischi rispetto alle litio si riducano notevolmente. Attendiamo un attimo per vedere se ci danno un parere PietroBaima e richiurci.
Credo che la tensione di carica del regolatore coincida abbastanza, semmai potrebbe essere da verificare la corrente erogata ma se c’è da ridurla non è un problema.

Io, purtroppo, ho dovuto interrompere la modifica. I fanali di tutte le biciclette di famiglia sono del tipo semi piatto e non è possibile introdurre il LED CREE con il dissipatore nel fanale anteriore. Sto cercando un’altra soluzione per tale il fanale ma quello che ho trovato in rete fino ad ora non è stato convincente. Si trovano dispositivi potenti che consumano troppo oppure dispositivi descritti in modo ambiguo o approssimativo e che non si riesce a valutare con ragione di causa.

Se arriverà qualche dritta sarà ben accolta, nel frattempo continuerò la mia ricerca...
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
1.275 1 6 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 714
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

1
voti

[62] Re: Dinamo bicicletta per alimentare dispositivi

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 6 lug 2020, 15:20

Io anni fa per la bici avevo usato "LED bianchi ultraluminosi" diametro 5 o 8mm, sono quelli simili ai tradizionali, cioè con lente plastica integrata.
Li vedi usati nella lampadina da libro:
https://www.electroyou.it/richiurci/wik ... pgrade-diy

Sono LED che è meglio alimentare a corrente ridotta rispetto a quanto dichiarato (es 0,2A invece di 0,3A) perché il package impedisce uno smaltimento efficiente del calore, ma hanno il vantaggio dell'angolo di emissione stretto: se li trovi da 20° orientati opportunamente non abbagliano chi incroci frontalmente

Sulle NiMH... consiglio le AA, più pratiche delle mezze torce; sono arrivate a 2000 mAh o più e si caricano comodamente nei CB da presa come da articolo già linkato
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
29,5k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 8138
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

1
voti

[63] Re: Dinamo bicicletta per alimentare dispositivi

Messaggioda Foto UtentedrGremi » 6 lug 2020, 18:01

gianniniivo ha scritto:rischi derivanti dalle batterie al litio sono diventato un po’ più cauto

Si vabbé, ma una volta che le hai protetta da sovraccarica, sovrascarica e corto circuito puoi stare sereno. Vengono anche impiantate sotto pelle nei pacemaker.
Tutti i conteggi fatti comparando proiettili e batterie al litio sono forvianti e utili ad impressionare, ma sostanzialmente privi di senso nella pratica. Sebbene sia vero che contengano tanta energia anche in caso di guasto dipende da in quanto tempo questa energia viene dissipata. Il pieno di benzina ti manda in giro in auto, se la fai espodere salti per aria. La differenza? Solo in quanto tempo viene liberata quell'energia.
Se si incendiasse una batteria al litio scalda molto, fuma, ma non esplode. Improbabile che succeda a caso, ma mentre la carichi o se la scarichi troppo. Un BMS che gestisce tutto ciò lo trovi a meno di 30 centesimi e non dico sia rischio 0 perché sappiamo tutti che non esiste. Ma abbastanza sicura da farla caricare in una stanza dove non si dorme (ti respireresti i fumi). Se hai paura di incendi basta che stia a mezzo metro da cose infiammabili (ma è un eccesso di precauzione).
Avatar utente
Foto UtentedrGremi
430 1 8
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 173
Iscritto il: 20 nov 2019, 19:49

0
voti

[64] Re: Dinamo bicicletta per alimentare dispositivi

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 7 lug 2020, 0:09

Grazie per le risposte richiurci e DrGremi, forse ho trovato una soluzione alternativa ma non ne sono ancora sicuro. Domani, tempo permettendo, cercherò di verificarne la praticabilità mediante un po' di lavorazione e qualche test. Ci aggiorniamo.
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
1.275 1 6 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 714
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

3
voti

[65] Re: Dinamo bicicletta per alimentare dispositivi

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 8 lug 2020, 17:39

Come accennato nel passaggio precedente ho adottato una soluzione alternativa che probabilmente farà ridere tutto il Forum però funziona. :mrgreen:

In pratica non collegherò un LED al fanale della mia bicicletta. Forse non utilizzerò neppure le litio 18650, ma potrei utilizzare delle batterie Ni-Mh mezza torcia da 6 Ampere (così è scritto sulle NiMh) che ho acquistato un anno fa e che non ho mai utilizzato. L’intervento di Elyon, che ringrazio, mi ha ricordato di avere quattro celle mezza torcia che avevo quasi dimenticato, sempre che siano ancora funzionanti.

Poi, per non dover acquistare un fanale dalla dubbia efficacia, ho pensato di utilizzare una torcetta cinese, che dispone di una lente convessa ed uno zoom per regolare linearmente la proiezione della luce. Questa torcetta dovrebbe funzionare con una batteria al litio tipo 14500 ma il led che incorpora ha una potenza superiore ai 3W e la litio 14500 dura poco e si scarica rapidamente. Tale led, dispone già di un dissipatore e, senza danneggiare la torcia, è possibile alimentarla con delle batterie esterne, collegando tali batterie con sottili cavetti a degli “elettrodi a contatto rimovibili” e collegati a loro volta alla torcia. In questo modo è possibile recuperare senza danni la torcetta in caso d’insoddisfazione della modifica. A questo punto è evidente che per ottenere una maggiore durata si rende necessario utilizzare batterie più potenti delle 14500, ad esempio: delle litio tipo 18650 in parallelo oppure delle Ni-Mh collegate mediante una sequenza di serie/parallelo.

Le litio 18650, però, misurano una tensione a piena carica di oltre 4V. come le 14500. Con quella tensione il led assorbe circa 0,9 Ampere e quindi supera i 3W. Una simile potenza è un po’ eccessiva per una bicicletta quindi ho collegato l’alimentatore da laboratorio, regolato ad una tensione di 2,4V, per simulare le Ni-Mh e la corrente è scesa a circa 0,5 Ampere. La luminosità, invece, è rimasta ancora notevole, essendo più o meno equiparabile alla luminosità di un LED da 1W, ma a luce bianca e non calda come il led testato in precedenza, in più, come già detto, c’è il supporto di una spessa lente ed uno zoom. Grazie alla regolabilità della torcia si ha la possibilità di proiettare la luce fino a circa 50 metri (misurati a passi).

Oggi ho terminato la modifica elettromeccanica della torcia ma ho dovuto ancora una volta provarne il funzionamento con l’alimentatore da laboratorio. Le batterie Ni-Mh non erano ancora cariche e al momento si stanno caricando, forse.

Per caricarle, una volta inglobate in un contenitore, utilizzerò lo stesso regolatore di corrente che ho pubblicato per la ricarica delle litio 18650, modificando il valore della resistenza R1, portandola a 5 Ohm e qualche altra piccola modifica colorata di rosso.



In conclusione:
non posso completare la lavorazione del contenitore delle batterie e del regolatore perché, non avendo potuto provare in concreto le batterie Ni-Mh, non ho ancora deciso se utilizzare tali batterie o le litio 18650. Sostanzialmente vanno bene entrambe, si tratterà di fare una scelta ad libitum, oltre qualche piccola variazione sul regolatore e la resistenza del led posteriore…
Inoltre non ho a disposizione i battery holder e devo acquistarli.
Il terminale che chiude la torcia, è un tappo plastico a vite di una batteria da automobile. Se avessi utilizzato il terminale originale avrei dovuto danneggiare l’interruttore della torcia e non mi sembrava una buona idea.

Ho scattato delle foto della modifica alla torcetta e le pubblico per chi fosse interessato.

Foto 1.jpg
Fase 1


Foto 2.jpg
Fase 2


Foto 3 .jpg
Fase 3


Salvo novità particolari non farò altre pubblicazioni, in quanto, la chiusura delle batterie e del regolatore in una scatoletta non credo possa essere motivo di particolare interesse. O_/
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
1.275 1 6 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 714
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

2
voti

[66] Re: Dinamo bicicletta per alimentare dispositivi

Messaggioda Foto Utentesetteali » 8 lug 2020, 19:37

Mi sembra proprio che tu abbia fatto un bel lavoro e una soluzione meccanica eccellente :ok:
Alex

<< vedi di pigliare arditamente in mano,
il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
7.140 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3767
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

1
voti

[67] Re: Dinamo bicicletta per alimentare dispositivi

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 8 lug 2020, 21:03

Grazie Alex, ho impiegato un po’ di tempo prima di trovare una soluzione che evitasse di danneggiare la torcia ma dopo tutto non è stata una modifica difficoltosa. E’ stata necessaria un minimo di precisione soltanto per forare la piastrina della polarità negativa, per adattarla ai fori preesistenti sul corpo della torcia, ai quali era precedentemente avvitata la molla di aggancio della torcia alla cintura.

Ora, al di la dell’idea in sé, che sicuramente non è univoca, si è rivelato interessante constatare l’intensità luminosa di quel LED e la profondità di campo prodotta dalla sinergia tra LED, lente e zoom, anche con sole due batterie Ni-Mh in serie. Come ho già riferito, la profondità di campo del fascio luminoso arriva ad una cinquantina di metri. La misurazione potrebbe non essere affidabile in quanto calcolata a passi ma io sono alto circa 1 metro e novanta e non credo di avere un passo corto, comunque anche se i metri fossero limitati a 40, credo che ci si possa più che accontentare. Oltretutto la profondità di campo e l’alzo sono facilmente regolabili in qualsiasi momento e a discrezione del conducente.

Non ho avuto ancora modo di verificare l’autonomia delle batterie ma non credo che sarà una valutazione realistica. Le batterie Ni-Mh (cinesi) che posseggo sono vecchie di 1 anno e non sono state mai caricate, benché siano ancora sigillate.

Se quelle batterie fossero ancora efficienti ed in grado di erogare veramente 6 Ampere avrebbero un autonomia di 12 ore, sia pur con luminosità progressivamente calante in funzione della carica residua. Anche se durassero 6 ore credo che sarebbero più che soddisfacenti per un giretto su 2 ruote, in caso contrario basterebbe aggiungere una seconda serie in parallelo alla prima… :D
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
1.275 1 6 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 714
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

1
voti

[68] Re: Dinamo bicicletta per alimentare dispositivi

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 9 lug 2020, 8:48

Bravo Gianni, le NiMH sono comunque batterie robuste e facili da gestire, praticamente impossibili da danneggiare in fretta.

Dalle mie prove ho ricavato 1,4V/cella come tensione ideale di fine carica, con la quale le carichi completamente o quasi ed eviti che scaldino
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
29,5k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 8138
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[69] Re: Dinamo bicicletta per alimentare dispositivi

Messaggioda Foto Utentegianniniivo » 9 lug 2020, 11:42

Grazie Riccardo, le mie Ni-Mh credo non siano in perfette condizioni ma forse dandogli un po’ di ricariche potrebbero migliorare.
Le litio hanno una tensione maggiore e il led è più luminoso, però ho pensato che tutta quella luce, per un giretto in bici, fosse eccessiva, quindi ho utilizzato le Ni-Mh (mezza torcia) che durano anche di più con il LED che consuma meno corrente.
Avatar utente
Foto Utentegianniniivo
1.275 1 6 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 714
Iscritto il: 5 feb 2019, 23:50

0
voti

[70] Re: Dinamo bicicletta per alimentare dispositivi

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 9 lug 2020, 13:05

un controllo della corrente devi metterlo però, perché 2 NiMH in serie non bastano (sfrutteresti ben poco la carica) mentre 3 in serie quando cariche al 100% stresserebbero il LED come la litio.

Ci vuole almeno una R serie, da dimensionare a V massima
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
29,5k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 8138
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

PrecedenteProssimo

Torna a Costruzione, riparazione, riutilizzo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti