Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Disegno schema "a norma"

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentelillo, Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[1] Disegno schema "a norma"

Messaggioda Foto Utentethekant » 23 ago 2018, 13:52

Salve, vorrei sapere e quale norma ci si deve riferire per il disegno di uno schema elettrico (forse più di una e si deve scegliere?)...dato che vedo schemi disegnati in ogni modo, nello specifico vorrei capire se:
1) è unificata (dove?) la tag che identifica gli apparecchi? (Q interruttori, K relè...)
2) è obbligatorio che le apparecchiature si riferiscano ad il numero di pagina dello schema o possono avere un progressivo non vincolante con il numero di pagina? (es. interruttori da Q1 a Q1000)
3) se ci si deve riferire al numero di pagina, è obbligatorio poi continuare i riferimenti utilizzando anche i numeri di colonna? o si può poi procedere per progressivo? (es. gli interruttori di pagina 14 dall'1 al 10)
4) il cablaggio dei fili può essere un progressivo per pagina? ultimamente vedo schemi che identificano il numero del filo per numero di pagina+numero di colonna + progressivo...

Il mio problema è che vincolare simboli e fili a posizioni così determinate significa avere dei problemi in caso di modifica dello schema con semplici e banali spostamenti della grafica, anche se la cosa è indubbiamente utile e ormai anche facilmente automatizzata.

Non ho trovato delle spiegazioni risolutive, gradirei vostre opinioni in merito
Saluti
Avatar utente
Foto Utentethekant
110 1 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 583
Iscritto il: 5 set 2009, 12:20

1
voti

[2] Re: Disegno schema "a norma"

Messaggioda Foto UtenteMike » 23 ago 2018, 14:09

Per la 1) sono certo che la siglatura è codificata dalla norma che a memoria non ricordo. Per tutto il resto dubito che sia codificato, ovvero obbligato, anche perché in ogni caso non potrebbe esserlo perché le norme non sono mai obbligatorie almeno che non espressamente citate in qualche legge. Ma anche dal punto di vista logico non avrebbe alcun senso, l'importante è che il sistema utilizzato sia coerente e che svolga la sua funzione che è quella di essere facilmente leggibile e non interpretabile.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,2k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14111
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[3] Re: Disegno schema "a norma"

Messaggioda Foto Utenteiosolo35 » 23 ago 2018, 14:26

Puoi dare un'occhiata alla norma CEI 3-23,
simbolo quadro elettrico
simbolo quadro.jpg
non ci sono problemi, ma solo soluzioni
Avatar utente
Foto Utenteiosolo35
40,7k 7 11 12
Master
Master
 
Messaggi: 3237
Iscritto il: 15 mar 2012, 15:34
Località: Trento

1
voti

[4] Re: Disegno schema "a norma"

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 23 ago 2018, 15:04

Gli schemi elettrici possono essere siglati con molta libertà, l’importante è che ci sia coerenza tra lo schema e il cablaggio. Si puo fare coincidere il numero del morsetto con il numero del filo ad esempio oppure no. Il numerare i fili (ad esempio 12.5 , ovvero filo 5 della pagina 12) e i componenti con il numero di pagina (ad esempio Q12.1 , ovvero interruttore 1 di pagina 12) è tipico degli schemi di automazione e bordo macchina, nella distribuzione energia e generazione è meno frequente. Comunque sono scelte di chi esegue lo schema a meno che non ci siano specifiche vincolanti relative alle numerazioni
Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
12,6k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2616
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA

1
voti

[5] Re: Disegno schema "a norma"

Messaggioda Foto Utentemir » 23 ago 2018, 19:00

Mike ha scritto: l'importante è che il sistema utilizzato sia coerente e che svolga la sua funzione che è quella di essere facilmente leggibile e non interpretabile.

iOi .. a nome di tutti i manutentori elettrici del pianeta terra .. :ok:
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
58,8k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 19876
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

1
voti

[6] Re: Disegno schema "a norma"

Messaggioda Foto Utentemir » 23 ago 2018, 19:18

thekant ha scritto:quale norma ci si deve riferire per il disegno di uno schema elettrico

Norme CEI:
3-14 elementi segnio grafici distintivi e di uso generale,
3-15 conduttori e dispositivi di connessione,
3-16 componenti passivi,
3-17 semiconduttori e tubi elettronici,
3-18 produzione trasformazione energia elettrica,
3-19 apparecchiature dispositivi di comando e protezione,
3-20 strumenti di misura lampade e dispoositivi di segnalazione,
3-21 telecomunicazioni,
3-22 telecomunicazioni trasmissione,
3-23 segni grafici per schemi e piani di installazione architettonici e topografici,
3-24 elementi analogici,
3-25 indice generale e tabelle di corrispondenza,
3-26 elementi logici binari,
3-27 segni grafici da utilizzare sulle apparecchiature,
3-28 principi generali elaborazione segni grafici da utilizzare sulle apparecchiature,
3-30 segni grafici impianti termoelettrici e nucleotermoelettrici,
3-31 segni grafici per impianti idroelettrici,
3-32 raccomandazioni per la preparazione degli schemi elettrici,
3-34 codice di identificazione dei materiali da utilizzare nella tecnologia elettrica,
3-35 preparazione dei diagrammi funzionali per sistemi di comando e di controllo,
3-36 preparazione dei documenti utilizzati in elettrotecnica parte 1- prescrizioni generali,
3-37 designazione di segnali e connessioni,
3-38 preparazione dei documenti utilizzati in elettrotecnica parte 2- schemi orientati alla funzione,
3-39 preparazione dei documenti utilizzati in elettrotecnica parte 3- schemi tabelle e liste di connessione,
3-40 preparazione dei documenti utilizzati in elettrotecnica parte 4- documenti di disposizione e di installazione.
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
58,8k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 19876
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

1
voti

[7] Re: Disegno schema "a norma"

Messaggioda Foto Utentethekant » 25 ago 2018, 0:39

Bene, intanto grazie a tutti...a breve mi rifarò vivo sull'argomento, devo verificare alcune cose che ho letto/trovato.
saluti
Avatar utente
Foto Utentethekant
110 1 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 583
Iscritto il: 5 set 2009, 12:20

1
voti

[8] Re: Disegno schema "a norma"

Messaggioda Foto Utentethekant » 20 set 2018, 23:07

Salve, vorrei aggiungere una domanda sull'argomento...perché un noto software per la schemistica è strutturato in modo che debba essere settata quale libreria simboli utilizzare e cioè prima o dopo il 1985?
Il simbolo "dell'interruttore" è sempre quello (forse cambiano le proporzioni?) ma cosa è successo nel 1985 oltre alla vittoria del campionato del Verona, all'uscita di Ritorno al Futuro e di Super Mario Bros e della prima versione di windows?
Utilizzando la libreria simboli vecchia, automaticamente si disegna "fuori norma"?
Ringrazio anticipatamente
Avatar utente
Foto Utentethekant
110 1 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 583
Iscritto il: 5 set 2009, 12:20


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 20 ospiti