Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Come funziona il trasformatore 400 / 230?

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

1
voti

[1] Come funziona il trasformatore 400 / 230?

Messaggioda Foto Utentedemerzel » 7 ago 2008, 14:00

E' vero che non si ottine eun neutro ma due fasi da 110?! :shock:
Avatar utente
Foto Utentedemerzel
10 1 2 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 255
Iscritto il: 10 mar 2007, 16:37

0
voti

[2] Re: Come funziona il trasformatore 400 / 230?

Messaggioda Foto Utenteandreandrea » 7 ago 2008, 14:05

Si ottengono due fasi, poi se una delle due la metti a terra, diventa il neutro,
non è crollato solo un ponte, sta crollando una città
Avatar utente
Foto Utenteandreandrea
1.404 1 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 674
Iscritto il: 21 apr 2008, 13:26
Località: Genova

0
voti

[3] Re: Come funziona il trasformatore 400 / 230?

Messaggioda Foto Utentedemerzel » 7 ago 2008, 16:46

andreandrea ha scritto:Si ottengono due fasi, poi se una delle due la metti a terra, diventa il neutro,


Potresti spiegarti meglio? O magari darmi un'indicazione di dove posso trovare una spiegazione tecnica? Grazie, ciao.
Avatar utente
Foto Utentedemerzel
10 1 2 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 255
Iscritto il: 10 mar 2007, 16:37

0
voti

[4] Re: Come funziona il trasformatore 400 / 230?

Messaggioda Foto Utenteandreandrea » 7 ago 2008, 17:35

Non saprei spiegarmi meglio, tutto dipende da cosa ti serve fare. Quando trovo un trasformatore, non di isolamento, con il secondario a 230 V per alimentare, ad esempio, un circuito luce, oltre a proteggere il circuito che alimenta il primario, collego a terra un polo del secondario, poi parto con fase, terra e neutro, e proteggo il circuito al secondario e il sovraccarico del trasformatore, con un fusibile. Diventa un piccolo sistema TN-S.
Preferisco fare così, perché altrimenti il primo guasto a terra non sarebbe "visto" da niente e nessuno.

Saluti
non è crollato solo un ponte, sta crollando una città
Avatar utente
Foto Utenteandreandrea
1.404 1 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 674
Iscritto il: 21 apr 2008, 13:26
Località: Genova

1
voti

[5] Re: Come funziona il trasformatore 400 / 230?

Messaggioda Foto Utenteadmin » 7 ago 2008, 18:50

Un trasformatore non crea né neutri né fasi. Fase, tra l'altro, è sinonimo di generatore, quindi un trasformatore monofase non può creare due fasi.Trasforma, come dice il nome, la tensione di un generatore applicata all'avvolgimento detto primario, da un valore (es 400 V) ad un altro (es:230), tensione che si preleva tra i terminali dell'avvolgimento detto secondario. La tensione rispetto a terra di ognuno di questi terminali, per effetto della capacità tra ciascun terminale e terra, è in pratica la metà di 230, essendo le due capacità verso terra uguali. Collegando un terminale a terra, la capacità di questo rispetto a terra è cortocircuitata ed il assume il potenziale di terra, convenzionalmente zero. L'altro terminale mantiene sempre i suoi 230 V rispetto a quello messo a terra, quindi anche rispetto a terra.
Avatar utente
Foto Utenteadmin
179,7k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11149
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

0
voti

[6] Re: Come funziona il trasformatore 400 / 230?

Messaggioda Foto Utentedemerzel » 7 ago 2008, 19:00

Ok, quindi nella fattispecie come ci si comporta?
Avatar utente
Foto Utentedemerzel
10 1 2 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 255
Iscritto il: 10 mar 2007, 16:37

0
voti

[7] Re: Come funziona il trasformatore 400 / 230?

Messaggioda Foto Utenteadmin » 7 ago 2008, 20:50

Ok, quindi nella fattispecie come ci si comporta?

Quale fattispecie? Per fare che?
Avatar utente
Foto Utenteadmin
179,7k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11149
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

0
voti

[8] Re: Come funziona il trasformatore 400 / 230?

Messaggioda Foto Utentedemerzel » 7 ago 2008, 22:26

Ok, cerco di essere più chiaro con un esempio. Poniamo che io ho un quadro cablato con un generale quadripolare, con all'interno un plc, della logica cablata, dei piccoli avviamenti etc. Poniamo che si arriva nell'impianto e ci si rende conto che si ha a disposizione solo la 400 (senza il neutro ovviamente). Come ci si comporta?
Avatar utente
Foto Utentedemerzel
10 1 2 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 255
Iscritto il: 10 mar 2007, 16:37

1
voti

[9] Re: Come funziona il trasformatore 400 / 230?

Messaggioda Foto Utentemir » 8 ago 2008, 0:59

dall'esempio che hai fatto mi sembra di capire, che hai la necessità di collegare un quadro cablato con un generale quadripolare, r-s-t-N,e a campo ti manca il neutro, per cui il problema è come alimentare il circuito funzionante a 220 V,all'interno del quadro, non avendo il Neutro ;da qui la necessità di inserire un trafo 380 V/220 V; adesso bisognerebbe capire questi 220 V cosa andranno ad alimentare: prese aux,alimentatori, circuiti ext....considerando così le eventuali necessità di protezioni, o magari la sostituzione di alcuni componenti qualora convenga,esempio in luogo di un trafo 380/220 V per servire un alimentatore 220 V/24 V cambierei l'alimentatoresono solo ipotesi;se così fosse,cioè la necessità di avere il 220 volt nel quadro,la soluzione del trafo non è sbagliata valutando opportunamente la potenza in gioco.
ciao
mir
Avatar utente
Foto Utentemir
59,7k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20111
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

1
voti

[10] Re: Come funziona il trasformatore 400 / 230?

Messaggioda Foto Utenteadmin » 8 ago 2008, 2:02

demerzel ha scritto:Come ci si comporta?

Dipende da come si intende ottenere la protezione dai contatti indiretti. Si può alimentare il quadro a 230 V senza alcun collegamento a terra, attuando la separazione elettrica, nel caso in cui ciò che è alimentato dal trasformatore abbia i requisiti che permettano tale soluzione. Un guasto all'isolamento non provoca pericolo e tutto continua a funzionare garantendo continuità di servizio. Però il guasto non viene segnalato ed occorre un regolare controllo delle condizioni di isolamento.
Se si desidera rivelare il primo guasto interrompendo l'alimentazione si collega, come già ha detto andreaandrea, un terminale del trasformatore a terra.
Non esiste, in altre parole, una regola unica di comportamento. Dipende dall'impianto che si sta eseguendo e dalle esigenze di funzionamento in sicurezza che per esso si desiderano.
Avatar utente
Foto Utenteadmin
179,7k 9 12 17
Manager
Manager
 
Messaggi: 11149
Iscritto il: 6 ago 2004, 13:14

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 35 ospiti