Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Batteria auto. Manutenzione, caricabatterie ed altro

Allestimenti, motori, impianti elettrici ed elettronici sulle automobili

Moderatore: Foto UtenteFranco012

0
voti

[1] Batteria auto. Manutenzione, caricabatterie ed altro

Messaggioda Foto UtenteJim80 » 19 lug 2019, 17:52

Ho appena sostituito una batteria bosch s4 001 (44ah, 440a, produzione 2.2011) acquistata 8.2011 per 60euro da un ricambista. E' stata montata su un'auto di vecchia generazione (costruzione 2001) che fa circa 5000 km/anno, quasi sempre percorsi brevi e urbani con frequenti accensioni/spegnimenti, senza clima né antifurto né apparecchiature elettriche/elettroniche energivore. Ne ho monitorato la tensione a riposto fino all'anno scorso, poi francamente l'ho dimenticato. L'ultimo valore misurato è 12.78V (maggio 2018) mentre quando è morta la settimana scorsa misurava 12.23V e preciso che fino al giorno prima non aveva mai dato segni di cedimento. Preciso infine che non ho caricabatteria quindi non l'ho mai caricata né agito su essa in alcun modo non essendo prevista manutenzione.
Visto che non riuscivo a reperire né bosch né varta nei miei paraggi, l'ho sostituita con una identica acquistata su ebay per 45eur (incluse SS). Questa è di produzione 9.2018 quindi ha 10 mesi di magazzino. Prima di installarla ho constatato che la carica era di 12.63V.

Fatto ciò presente pongo le seguenti domande:
- Considerato che la nuova sta cominciando con quasi un anno di tempo dalla sua produzione e considerando il valore di carica più basso rispetto a quella vecchia dopo 7 anni di servizio, è possibile pronunciarsi sull'aspettativa di vita operativa? Se sì, cosa si può prevedere almeno in linea di massima?
- Considerando la morte improvvisa della vecchia bosch, il drastico calo di carica misurata a riposo nell'ultimo anno ed il fatto che le condizioni d'utilizzo dell'auto sono rimaste immutate, si può parlare di obsolescenza programmata o non c'entra?
- Per i casi di utilizzo dell'auto come il mio, è possibile ottimizzare la durata di vita della batteria installata? Badate che non mi sto lamentando che la vecchia sia durata "solo" 8 anni, solo che sono preoccupato che la nuova non arrivi a tanto e quindi cerco di informarmi in anticipo, se è possibile.
- E' utile per me il caricabatteria? Ho letto opinioni contrastanti sul web ma mi sto informando solo ora per un eventuale acquisto. Come detto, non ho mai ricaricato la vecchia ed è durata 8 anni.
- E' possibile recuperare la vecchia bosch, usando un caricabtteria od anche mezzi "invasivi", oppure è da isola ecologica? Se sì, come procedere?
- Per il futuro e dovendo scegliere tra le 2 seguenti, meglio orientarsi su una batteria meno blasonata ma appena prodotta oppure una più blasonata ma che ha 10-12 mesi di magazzino? Per esempio ho visto su ebay una yuasa, di parametri equivalenti alla mia bosch e compatibile con l'auto in oggetto, venduta a 60eur (incluse SS), quindi molto sotto prezzo e quindi quasi certamente "vecchia"; sarebbe stato il caso di rischiare in nome della sua fama? cosa avreste scelto tra questa ed una bosch di pari costo ma con certamente soli 6 mesi di vita?
- Che vantaggi avrebbero le batterie per auto con manutenzione rispetto a quelle senza? Vedo che ancora sono in vendita quelle coi tappi, da cui rabboccare H2O ed eventualmente H2SO4 quindi immagino che un motivo ci sarà.
Avatar utente
Foto UtenteJim80
67 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 271
Iscritto il: 22 giu 2017, 1:37

0
voti

[2] Re: Batteria auto. Manutenzione, caricabatterie ed altro

Messaggioda Foto UtenteDucelier » 19 lug 2019, 19:36

Non è possibile purtroppo sapere quanto durerà,spessi senti dire il ricambista"passati i 3 anni è tutto regalato".
Evidentemente la batteria è "morta" per via della rottura di un elemento nel 90% dei casi va così.In altri casi si formano dei residui sul fondo della batteria che mandano in corto gli elementi.Di programmato di solito nelle batterie c'è solo la garanzia.
Sul fatto di montare una batteria più meno blasonata o con più o meno giacenza di magazzino,io opterei per una batteria più giovane,
se la batteria è a posto ed l alternatore pure e non tieni l auto ferma delle settimane non serve ricaricare la batteria,8 anni sono una durata fenomenale ce ne fossero.
Le batterie ispezionabili ovvero con i tappi hanno il vantaggio che si può rabboccare l elettrolita e ciò va sicuramente in beneficio della durata,in molti casi nelle batterie sigillate si rompono uno più elementi per via del fatto che cala drasticamente il livello dell elettrolita.
La vecchia batteria volendo è possibile recuperarla,c'è un sistema a volte funziona ed a volte no ma si fa con batterie di un certo livello a patto che non ci siano elementi rotti.
Avatar utente
Foto UtenteDucelier
325 3 4
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 516
Iscritto il: 27 nov 2011, 20:32
Località: Pavia

0
voti

[3] Re: Batteria auto. Manutenzione, caricabatterie ed altro

Messaggioda Foto Utenteattilio » 19 lug 2019, 20:09

A me difficilmente durano oltre i 3-4 anni. E le pago (da 55-60 Ah) sempre sulle 50-60 € (non Bosch ovviamente). Le tratto malissimo... ma per 15 € all'anno non me la sento di chiedere di più..
Se questa ti dura 3 anni sei comunque sotto i 10 €/anno negli ultimi 11 anni.
Io non lo vedo il problema di perdere tempo con strani calcoli in merito. L'unica precauzione che adotto e di avere sempre i cavetti appresso, poiché quasi mai una batteria che ti lascia a piedi ti da il preavviso. E non mi sogno nemmeno (oltre a non averne il tempo né la voglia) di monitorare periodicamente la tensione di carica

Ma io non faccio testo. Direi che è una discussione per Foto Utenterichiurci
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,7k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8637
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[4] Re: Batteria auto. Manutenzione, caricabatterie ed altro

Messaggioda Foto Utenteedgar » 19 lug 2019, 20:28

attilio ha scritto:avere sempre i cavetti appresso

E di qualità adeguata, ultimamente nei prodotti della grande distribuzione il diametro esterno è dato più dall'isolante che dal rame :evil:
Avatar utente
Foto Utenteedgar
5.567 3 3 8
Master
Master
 
Messaggi: 2698
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[5] Re: Batteria auto. Manutenzione, caricabatterie ed altro

Messaggioda Foto Utentemir » 19 lug 2019, 23:27

attilio ha scritto: L'unica precauzione che adotto e di avere sempre i cavetti appresso, poiché quasi mai una batteria che ti lascia a piedi ti da il preavviso.

Vero..la batteria non ti preavvisa mai.. :( .. pertanto concordo con Foto Utenteattilio, cavetti in auto sempre disponibili.. :mrgreen: e sostituzione batteria ogni 3 anni salvo imprevisti :D
I circuiti sono controcorrente. Seguono sempre la massa

-Per rispondere utilizza il tasto [RISPONDI] e non il tasto [CITA], grazie.-
Avatar utente
Foto Utentemir
60,2k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20268
Iscritto il: 19 ago 2004, 21:10

0
voti

[6] Re: Batteria auto. Manutenzione, caricabatterie ed altro

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 20 lug 2019, 0:59

Jim80 ha scritto: è possibile pronunciarsi sull'aspettativa di vita operativa? Se sì, cosa si può prevedere almeno in linea di massima?

Una volta, quando le batterie erano costruite in una certa maniera, senza economia di piombo, una stima si poteva anche fare, e la vita della batteria si aggirava sui sei anni o anche più, e verso fine vita si potevano facilmente riscontrare i sintomi premonitori di un'imminente "dipartita". Adesso non più. Premesso che la vita della batteria inizia dalla data di produzione (che sia conservata in magazzino oppure impiegata sul veicolo non fa differenza), io cambio la batteria (sempre di marca affidabile) a non più di cinque anni di vita, a titolo precauzionale (a meno che le prestazioni non diminuiscano drasticamente). Come detto da Foto Utenteattilio, con una quindicina di euro all'anno ho una ragionevole probabilità di non rimanere a piedi.

Per i casi di utilizzo dell'auto come il mio, è possibile ottimizzare la durata di vita della batteria installata?

Secondo me, se la batteria viene utilizzata normalmente e con un minimo di manutenzione (se prevista) non ci sono particolari regole da seguire. Tanto, se è destino che si rompa, si rompe e basta.

E' utile per me il caricabatteria? [...] non ho mai ricaricato la vecchia ed è durata 8 anni

Se l'auto rimane ferma per parecchio tempo, oppure le condizioni d'impiego sono tali da non permettere una carica completa, ogni tanto una ricarica non farebbe male. Ma se la batteria ti è durata 8 anni, non mi sembra che questo sia il tuo caso.
E' possibile recuperare la vecchia bosch [...]?

Recuperare una batteria che è durata otto anni? Secondo me c'è poco ormai da recuperare, otto anni di vita sono un record!
meglio orientarsi su una batteria meno blasonata ma appena prodotta oppure una più blasonata ma che ha 10-12 mesi di magazzino?

Come già detto, la vita della batteria inizia dalla data di costruzione, ma nella scelta a volte è questione di fortuna. Ci sono batterie "non blasonate" che durano non più di due anni, altre che ne fanno molti di più. Tra quelle blasonate il divario tra "buone" e "cattive" mi sembra meno evidente, nel senso che tendono ad avere prestazioni più uniformi nel tempo, ma... non si può mai dire. Personalmente mi sono sempre trovato bene con le marche montate all'origine sulle auto tedesche (Moll, Varta, Exide, ecc.) che acquisto su Ebay direttamente in Germania.
Che vantaggi avrebbero le batterie per auto con manutenzione rispetto a quelle senza? Vedo che ancora sono in vendita quelle coi tappi, da cui rabboccare H2O [...]

Quelle senza manutenzione sono più costose, ma hanno il vantaggio che... non necessitano di manutenzione. Inoltre, le auto dotate del sistema Start & Stop, oppure quelle destinate ad un particolare servizio (tassisti, Forze dell'Ordine) prevedono necessariamente batterie del tipo EFB oppure AGM. Quelle con i tappi si usano ormai solo in auto un po' vecchiotte.

Per quanto riguarda i cavi di avviamento, sono sempre stato un po' paranoico a riguardo. Sempre avuti a bordo. Una volta me li costruivo con il cavo per saldatrice, adesso uso quelli di alluminio rivestito di rame (di sezione adeguata), da 4,5 metri, che costano meno di quelli in rame e sono più leggeri.
Ho sperimentato anche gli avviatori di ultima generazione, quelli che pesano 2 etti e servono anche da power bank per il cellulare e da torcia d'illuminazione, e sono rimasto piacevolmente sorpreso dal funzionamento: sbarcando dal traghetto a Cagliari, ho soccorso un SUV, fermo nel garage della nave, che non riusciva ad avviarsi a causa della batteria scarica. Ho collegato il mio mini avviatore alla batteria, e il SUV si è avviato subito, senza alcuna esitazione, e al termine i led dell'avviatore indicavano ancora un '80% circa di carica residua. Da non credere.
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
2.883 2 3 6
Master
Master
 
Messaggi: 1235
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

0
voti

[7] Re: Batteria auto. Manutenzione, caricabatterie ed altro

Messaggioda Foto UtenteJim80 » 20 lug 2019, 13:26

Molte grazie per le repliche. Se ho ben capito si può dire che:
- la durata della mia vecchia bosch rappresenta un'eccezione mentre la regola è 3-5 anni, magari più 5 che 3 nel mio caso di auto senza apparecchiature elettricamente energivore;
- devo rassegnarmi che non ci sono maniere per rendersi conto per tempo dell'ultima fase di vita di una batteria, in particolare non c'è relazione tra misura della carica a riposto ed aspettativa di vita rimanente.

Chiedo vostri pareri sui seguenti approfondimenti:

- Caricabatteria
Come detto uso l'auto per percorsi brevi e urbani con accendi/spegni frequenti quindi non so se l'alternatore ha tempo di ricaricarla completamente, aggiungo che l'auto può stare ferma qualche giorno ma non più di 2-3 consecutivi. Da una parte sarei propenso a non acquistarlo perché la vecchia è andata avanti così 8 anni, di cui una buona metà all'aperto, però abbiamo detto che è stata un'eccezione, di conseguenza chiedo a voi parere definitivo sull'opportunità del CB. Se sì e visto che mi servirebbe solo per questa batteria, vorrei chiedervi se me ne poteste indicare qualcuno che fa al caso mio ma non troppo esoso, per es. ho letto che ogni tanto al lidl ne mettono uno in offerta a 20euro.

- Batterie con manutenzione
Ho proseguito le ricerche ed ho visionato questa FIAMM TITANIUM PRO L144P 44Ah 360A. Guardando i disegni è evidente che sotto l'adesivo vi è presenza dei tappi però c'è scritto: "coperchio spc [...] senza manutenzione a norma en50342 [...]". In effetti è da molto che cerco "batterie auto con manutenzione" ma nisba, anche se hanno i tappi. perché le fanno coi tappi e poi indicano "senza manutenzione"?
Nel mio caso di scarso utilizzo dell'auto e di equipaggiamento non elettricamente energivoro, durerebbe più una coi tappi e periodicamente rabboccata di H2O?
E' possibile fare un ragionamento analogo ma inverso, cioè: anche se una batteria è senza manutenzione, dopo 3 anni di utilizzo se ne può aumentare la durata forandola in corrispondenza delle cellette e rabboccando di soluzione H2O/H2SO4 e magari dando una ricaricata? O magari semplicemente forarla per rendersi conto del livello di elettrolita così da prevederne l'ultima fase di vita operativa? Badate che non mi riferisco alla mia vecchia bosch che ormai è defunta.
In questa pagina gli utenti fanno distinzione tra "non maintenance free batteries" e "maintenance free batteries" preferendo le seconde. Non ho capito a cosa corrispondono in italiano quelle del 1^ gruppo, sembrerebbe una doppia negazione quindi traducibile in "con manutenzione"; voi avete capito?

@Franco012
Franco012 ha scritto:(Moll, Varta, Exide, ecc.) che acquisto su Ebay direttamente in Germania.

Puoi dare il contatto del seller? Ti hanno mandato roba "fresca" o "vecchia"?
Franco012 ha scritto:Ho sperimentato anche gli avviatori di ultima generazione

Quale hai?
@attilio
attilio ha scritto:avere sempre i cavetti appresso

idem: fanno parte del mio "kit di emergenza", peccato che alla fine della fiera conti di più chi si incontra sulla strada.

PS
Allego un PDF dal web inerente le più frequenti cause di "morte" delle batterie in oggetto. Credo che il mio caso sia diagnosticabile con "batteria isolata", inoltre consiglia il caricabatteria a chi fa accendi/spegni frequenti come me, comunque ditemi voi se nel documento sono scritte cose veritiere o no.
Allegati
Cause Batteria auto che non va piu.pdf
(25.73 KiB) Scaricato 25 volte
Avatar utente
Foto UtenteJim80
67 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 271
Iscritto il: 22 giu 2017, 1:37

0
voti

[8] Re: Batteria auto. Manutenzione, caricabatterie ed altro

Messaggioda Foto Utenteedgar » 20 lug 2019, 13:57

Jim80 ha scritto:devo rassegnarmi che non ci sono maniere per rendersi conto per tempo dell'ultima fase di vita di una batteria

Determinati guasti non danno alcun preavviso. In passato percorrevo > 50.000 km annui, quindi non ero sicuramente a rischio di scarica batteria per le percorrenze brevi. Ebbene, un paio di volte ho spento l'auto, sceso, fatto la commissione, risalito e ... batteria morta, zero luci/spie. E non era nemmeno inverno. Il mio approccio è: so che prima o poi la dovrò cambiare, tengo dei buoni cavi nel baule per l'eventuale emergenza e mi metto il cuore in pace.
Avatar utente
Foto Utenteedgar
5.567 3 3 8
Master
Master
 
Messaggi: 2698
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[9] Re: Batteria auto. Manutenzione, caricabatterie ed altro

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 20 lug 2019, 15:22

Jim80 ha scritto: devo rassegnarmi che non ci sono maniere per rendersi conto per tempo dell'ultima fase di vita di una batteria

Le maniere ci sono (ad esempio, misurando la resistenza interna della batteria, che con l'andar del tempo aumenta, o misurando la capacità di scarica, che nel tempo diminuisce) però ne vale la pena? Sinceramente, dover effettuare delle misure periodiche solo per verificare (o meglio, ipotizzare) la vita residua della batteria mi sembra una perdita di tempo, tanto più che il guasto improvviso e imprevedibile (come dice Foto Utenteedgar), è pur sempre in agguato.
Volendo, ci sono queste alternative:
  • acquistare un caricabatterie con integrato il misuratore di efficienza della batteria. L'apparecchio misura la tensione della batteria sia a riposo che durante l'avviamento del motore, e in base alla capacità teorica della batteria e al calo di tensione durante l'avviamento è in grado di determinare, anche se con una certa approssimazione, lo stato di carica e di efficienza della batteria;
  • cambiare l'auto con una tecnologicamente avanzata. La mia dispone di un sensore montato sul polo negativo della batteria, in grado di monitorare continuamente la tensione e le correnti in entrata e i n uscita dalla batteria. Tutti i dati vengono elaborati dalla centralina che, unitamente ai dati relativi all'impiego del veicolo (data d'installazione della batteria, numero di avviamenti effettuati, velocità media, tempi di funzionamento del motore, ecc.) è in grado di rilevare quando la batteria non ha più sufficienti prestazioni, oppure è proprio guasta. So di un cliente che a due mesi dall'acquisto della vettura nuova ha ricevuto il messaggio sul display di bordo che la batteria aveva un difetto di costruzione, che era necessario sostituirla, e che l'intervento sarebbe stato effettuato in garanzia.
    Non dico che sia un sistema infallibile, ma una certa utilità ce l'ha.
E' possibile fare un ragionamento analogo ma inverso, cioè: anche se una batteria è senza manutenzione, dopo 3 anni di utilizzo se ne può aumentare la durata forandola in corrispondenza delle cellette e rabboccando di soluzione H2O/H2SO4 [...]

Ti consiglio di lasciar perdere questi "esperimenti", inutili ed anche pericolosi.
@Franco012
Puoi dare il contatto del seller? Ti hanno mandato roba "fresca" o "vecchia"?

Mi sono rivolto per due volte al venditore "basba-batterien" su Ebay, chiedendogli preventivamente se le batterie erano fresche di produzione. Ha risposto affermativamente, ed in effetti così è stato.
Franco012 ha scritto:Ho sperimentato anche gli avviatori di ultima generazione

Quale hai?

Nella marea di avviatori presenti nei principali negozi online, ho preferito affidarmi all'italiana Telwin, che ritengo affidabile, considerata la nota produzione di caricabatterie e saldatrici per uso professionale (anche se probabilmente l'avviatore è costruito in Cina). Il modello è Telwin drive 13000. Un po' costosetto rispetto ad altri, ma nel mio caso si è rivelato molto efficace. Non posso dire nulla riguardo ad altri avviatori della stessa tipologia, in quanto le mie considerazioni (in genere, non solo per questo prodotto) sono riferite solo ad articoli che ho acquistato e provato personalmente.
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
2.883 2 3 6
Master
Master
 
Messaggi: 1235
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

0
voti

[10] Re: Batteria auto. Manutenzione, caricabatterie ed altro

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 20 lug 2019, 21:05

Con una durata simile non mi metterei in ballo con booster o caricabatterie.

Anche io ho i cavi che metto nel baule quando la batteria è sopra i 5 anni o da segni di cedimento.

La marca conta, ma sembra anche che quelle di primo equipaggiamento siano mediamente migliori, 8 anni anche sulla mia Astra, tenuta in box ma magari ferma per 3-4 settimane tra in viaggio e l'altro.

Spesso i segni di cedimento ci sono, avviamenti un po' più stentati...ma i casi di rotture senza preavviso sono sempre possibili.

8 anni difficilmente li supererai, coi cavi potrai evitare di cambiare la batteria preventivamente, se puoi permetterti di perdere un po' di tempo quando cederà
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
27,9k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7684
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

Prossimo

Torna a Autovetture, motori endotermici ed elettronica relativa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite