Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

38
voti

Il primo laboratorio di elettronica

Leggendo i vari post del forum mi sono accorto che ci sono molte persone di buona volontà che, spinti dall' entusiasmo e dal fascino che l' elettronica emana, vorrebbero iniziare a cimentarsi nel fare qualcosa. E' l' atteggiamento di chi vede (a mio parere giustamente) nell' elettronica un hobby interessante che può regalare grandi soddisfazioni. Solitamente queste persone iniziano con la frase "premetto che di elettronica ne so poco o niente" per proseguire con "vorrei realizzare un' apparecchiatura che ..." e via discorrendo. Quello che si scopre subito dopo è che questi utenti mancano di una dotazione minima di attrezzatura e strumentazione e quindi, molte volte, tutto quello su cui si è discusso finisce con il diventare niente. Questo breve articolo propone una sorta di "minimo sindacale" di attrezzatura e strumentazione per poter cominciare a "smanettare" con l' elettronica, nella speranza che possa essere d' aiuto a chi si avvicina per la primissima volta.

Indice

L' attrezzatura

Inizio con l' elenco dell' attrezzatura necessaria per allestire un minimo di spazio/laboratorio per coltivare l' hobby. Ci sono diverse cose necessarie e diversi accorgimenti e particolari da tenere a mente per evitare, sin dall' inizio, di trovarsi nei problemi.

Il tavolo di lavoro

L' ideale sarebbe avere una scrivania, anche piccola, da dedicare all' elettronica. Il massimo sarebbe una scrivania con una sorta di mensola per poterci appoggiare la strumentazione per averla sempre a disposizione ma si fa quel che si può. Il minimo sarebbe ottenere, magari liberandolo quando si deve usare, uno spazio senza niente. La scrivania che si usa per studiare può andare benissimo, l' importante è che non sia metallica. C'e' da mettere anche in conto il fatto che si potrebbe rovinarne la superficie quindi evitiamo di usare scrivanie ottocentesche di particolare pregio. Una cosa indispensabile è una lampada da tavolo, possibilmente a pantografo (costano poco e vanno benissimo) in modo da poterla spostare per fare luce ovunque nello spazio di lavoro. Il top sarebbe una lampada con la lente, attrezzo che per me è indispensabile visto che sono "cecato da vicino". Una ciabatta di quelle a 6 prese con l' interruttore posta su un lato del piano, facilmente accessibile, ci darà la possibilità di avere a portata di mano la tensione di rete per poter alimentare i circuiti, eventuali alimentatori e via discorrendo.
Come suggerito da AOX per non rovinare il tavolo, se fosse antico e non ci fossero altre soluzioni, appoggiarci un pezzo di gomma (quella rigata e spessa) messa al contrario dalla parte liscia (da brico e simili). Sta ferma piantata, resiste a tutto (stagno liquido e punta saldatore compresi) e non si cambia mai. Ogni tanto con straccio e alcool ritorna nera e perfetta.

Il saldatore

Per montare dei circuiti nella media un saldatore a stilo da 30W con punta nichelata va benissimo. In commercio si trovano a buon prezzo anche quelli a temperatura controllata che sicuramente sono da preferire ma non sono strettamente necessari, non è il caso di spenderci soldi. L' importante è che la punta sia molto fine e ben nichelata. E' necessario e molto importante ricordarsi di stagnare la punta alla prima accensione senza risparmiare filo di stagno. Se non si fa questa operazione la punta durerà pochissimo.
Quello che è invece essenziale è un porta-saldatore perché appoggiare il saldatore sulla scrivania non è mai una buona idea. Prima o poi la punta finisce sul gomito, sul filo di alimentazione di qualcosa, sulla tastiera dell' eventuale PC o sulla scrivania stessa. Meglio evitare danni certi. Ancora più importante è avere una spugnetta bagnata su cui passare, ogni volta che lo si prende in mano per saldare, la punta del saldatore per pulirla. Mai pulire la punta del saldatore con spazzole metalliche, lime o carta vetrata perché si asporterebbe la nichelatura rovinandola irrimediabilmente.
E' bene ricordarsi che "nessuno nasce imparato" e quindi anche la pratica della brasatura a stagno non fa eccezione. Bisogna imparare a saldare e siccome è un' attività manuale c'è bisogno di esercizio per acquisire pratica e malizie. Si parte facendo delle prove su un circuito stampato da buttare o recuperato (anche in discarica). Un vecchio televisore è il luogo ideale per provare la saldatura/dissaldatura dei componenti elettronici. Qualche ora spesa a giocare a fare il saldatore eviterà problemi, sopratutto agli inizi.

Gli utensili manuali

Nella foto qui sotto ci sono gli utensili a mano che, secondo il mio parere, non possono mancare.

Utensili manuali

Utensili manuali

In alto troviamo l' aspira stagno poi sotto da sinistra verso destra, le presselle, le tronchesine, la pinza a becco ed il gira trimmer.

L' aspira stagno

Si usa per dissaldare i componenti. E' una pompetta a molla che si carica con un beccuccio in teflon che si appoggia allo stagno fuso. Premendo il pulsante al centro lo statuffo interno viene rilasciato e lo stagno viene aspirato. Si usa non solo per dissaldare ma anche per pulire i fori otturati e rimuovere ponticelli indesiderati. Lo stagno, dopo qualche secondo diventa pastoso, a quel punto è necessario rimuoverlo e l' aspira stagno è quello che serve.

Le presselle

Sono la mano dell' elettronico. Si usano per prendere i componenti, per tenere qualsia cosa che deve essere saldata e sopratutto per realizzare le filature sui prototipi. Consiglio di prenderle di acciaio inox e non troppo lunghe in modo che le due punte si uniscano sempre nella stessa posizione. Una pressella precisa facilita enormemente il lavoro.

Le tronchesine

Non devono essere quelle che si comprano al brico ma specifiche per l' elettronica. Con le tronchesine si taglia solo il rame ed i reofori. Tagliare l' acciaio significa rovinarle e quindi buttarle via. Non c'è niente di più snervante che delle tronchesine che non tagliano bene. Vanno quindi tenute con religiosa attenzione.

Le pinze a becco

Oltre ad essere utilizzate per togliere i componenti roventi mentre li si dissaldano, stringere eventuali dadini e/o distanziali ecc. servono anche per piegare i reofori. Si sarebbe tentati di farlo con le presselle ma così facendo si rischia di rovinarle perché sono fatte per prendere e tenere, non per piegare.

Il gira trimmer

Il nome stesso indica l' uso. regolare un trimmer sembrerebbe una cosa da niente ma non è così. Un buon gira trimmer ha due punte: una metallica da una parte ed una, sempre metallica ma incassata dall' altra. Con la prima si girano i trimmer normali, quelli ad un giro per intenderci, con la seconda si girano le viti dei trimmer multigiri. Questi ultimi hanno una vite piccola e sporgente ed è molto facile che la punta normale (tipo cacciavite) scappi. Utilizzando la punta incassata si evitano arrabbiature continue perché l' incasso non permette alla punta di scivolare via. Per regolare i compensatori per applicazioni in radiofrequenza è necessario anche avere un gira trimmer completamente in plastica.

Dove tenere i componenti elettronici

Un componente elettronico è estremamente utile se lo si può rintracciare velocemente. Avere, ad esempio, 100 resistenze di valore diverso mischiate fra di loro è come avere niente perchè si perdono ore per trovare il valore giusto e non è detto che lo si trovi. Quindi la parola d' ordine e' appunto ORDINE. L' ideale sarebbe una cassettiera con un cassettino per ogni componente. Se si ha la possibilità di averla, sull' etichetta si scriverà la sigla del componente ed eventualmente la sua funzione o qualche indicazione. Io sono solito anche scrivere nel retro i codici dei vari fornitori per poterli riordinare velocemente senza impazzire. Questo succede sopratutto per i LED che non hanno sigla. Un LED senza sigla è inutile a meno di relegarlo nel cassettino "LED vari". Meglio tenerlo dentro un sacchettino con un' etichetta con la sigla.
In mancanza della cassettiera si possono usare delle scatole o scatoline con dentro i componenti possibilmente infilati in un sacchettino con l' etichetta e magari, nel caso di resistenze e condensatori, ordinati per valore. Tutto questo rigoroso ordine renderà la vita molto più facile ed eviterà di ricomprare componenti che ci sono già ma non si sa dove sono andati a finire.

Il montaggio dei kit

Sembrerebbe la cosa più semplice da fare. In effeti lo è ma non per un principiante. Per montare un circuito è necessario che i componenti, una volta infilati nei fori restino dove devono stare e non si muovano durante la saldatura. Vediamo un po' cosa capita quando si tenta di montare un componente.

  • Si infila il componente con i reofori opportunamente piegati nei fori.
  • Si ribalta la scheda in modo da poter saldare il componente e qui iniziano i problemi. A meno di non avere una fortuna sfacciata, il componente cercherà di uscire dalla sua posizione o almeno di allontanarsi da essa. La prima cosa che verrebbe in mente di fare è tenerlo contro la basetta con un dito (che sarà inevitabilmente ustionato) mentre con le altre dita si tiene la scheda. La mano destra tiene il saldatore e ... la terza mano aggiunge il filo di stagno per la saldatura. Oltre al rischio ustione c'è un problema: c'è una mano di troppo, non va bene. Un sistema è quello di appoggiare un pezzo di gommapiuma (magari recuperato da un' imballaggio) sopra i componenti, ribaltare la scheda e semplicemente premerla. La gommapiuma manterrà i componenti aderenti al circuito stampato ed in questa situazione si procederà a saldare.
Gommapiuma

Gommapiuma

  • Si saldano il/i componente/i. Evitate di infilare troppi componenti, renderà difficile la saldatura. La saldatura deve essere lucida, con una quantità di stagno non esagerata ma deve "avere sostanza". All' inizio è meglio montarne un componente alla volta. La pratica farà il resto.
  • Si tagliano i reofori. Il taglio deve essere fatto a filo della saldatura.

Normalmente non si montano tutti i componenti insieme perché, oltre ad avere altezze diverse (e quindi qualche componente basso potrebbe poi risultare non correttamente appoggiato alla basetta) affollerebbero troppo la scheda rendendo difficoltosa la saldatura. Quindi si parte sempre dai componenti bassi (resistori, poi circuiti integrati) per poi passare ai condensatori ceramici, transistor e via discorrendo. Il tutto con calma e precisione.

La realizzazione dei prototipi

Per realizzare i prototipi si possono utilizzare diversi sistemi.

Le breadboard

Per fare solo alcune prove si può utilizzare una breadboard come quella nella foto.

SupercarAT90

SupercarAT90

Sono piastre composte da parecchie tracce collegate fra di loro. e due barre laterali che si collegano all' alimentazione in modo da poterla avere sempre vicina ai componenti. I circuiti integrati si mettono al centro e si collegano i vari componenti tra loro con ponticelli realizzati con i reofori di recupero (tenere sempre quelli lunghi, servono sempre!) o con appositi cavetti. E' un sistema veloce che permette di recuperare i componenti una volta finite le prove. Il vantaggio di queste piastre è che si possono modificare i prototipi "al volo" ma non si possono poi utilizzare in apparecchiature finite. lo svantaggio è che anche i contatti hanno una loro vita e prima o poi smettono di fare contatto. A quel punto la piastra diventa inutilizzabile.

I prototipi filati

I protoipi filati si realizzano utilizzando delle piastre preforate chiamate "millefori". In pratica si saldano i componenti sulla basetta e si effettuano i collegamenti con spezzoni di filo sottile o con filo nudo stagnato. Io uso i reofori recuperati perchè vanno bene a fare le barre di alimentazione ma sopratutto di massa e del filo per wire-wrap perché è sottilissimo e non è da spellare. Appena lo si appoggia allo stagno la guaina si ritira scoprendo l' anima di rame stagnato. Questo è un prototipo realizzato su millefori.

Prototipo

Prototipo

E queste sono le filature, i collegamenti fra i vari pin. Sarebbe buona cosa filare in modo ordinato e non come faccio io ma non ho tempo di ricamarci troppo sopra.

Filature

Filature

Questi sono circuiti che, se montati con attenzione, sono affidabili quanto un circuito stampato e possono essere inscatolati per realizzare delle vere e proprie apparecchiature. Questa tecnica viene utilizzata per la realizzazione di una singola apparecchiatura/prototipo, o comunque per pochi esemplari. Quella della filatura è una tecnica che si realizza anche con il wire-wrap (una tecnica vecchia ma che a me piace molto) ed altre ancora.

Circuito stampato

Il circuito stampato lo si può fare artigianalmente in casa ma il tempo per il suo disegno e la lavorazione è superiore al tempo che s' impiega a realizzare un prototipo filato. Ha il vantaggio di essere riproducibile in diversi esemplari e diventa conveniente proprio perché la lavorazione, una volta realizzata l' attrezzatura necessaria, è più veloce della filatura. A volte lo si usa perché non è possibile farne a meno o comunque il circuito non è realizzabile con la tecnica della filatura.

L' attrezzatura per la meccanica

Una sorta di cassetta attrezzi casalinga andrebbe benissimo. Pinze, tronchesi, forbici da elettricista, un set di cacciaviti, seghettino piccolo per tagliare il metallo, una serie di chiavi, un avvitatore ed un set di punte per forare (meglio se a passi di 0,5mm). Se possibile anche qualche lima, sono utili per realizzare i frontalini dei contenitori nei quali si metteranno i circuiti realizzati. Le piccole lavorazioni meccaniche su alluminio, lamiera e plastica sono all' ordine del giorno. A meno che non vogliate tenere i circuiti nudi in qualche contenitore li dovrete pur mettere.

La strumentazione

L' alimentatore

L' alimentatore non è un vero e proprio strumento ma l' ho inserito in questa sezione perché è comunque un' apparecchiatura che non può mancare. Inizialmente non è necessario munirsi di un alimentatore stratosferico anche perché non si partirà con la realizzazione di circuiti di potenza, a meno di non volersi cercare guai a tutti i costi. E non conviene neanche avere alimentatori in gradi di erogare forti correnti perché possono causare guai seri. Ad esempio se devo alimentare un circuito che assorbe pochi mA non è consigliabile alimentarlo con un alimentatore (magari senza controllo di corrente) in grado di erogare 20A. Se nel circuito c'è qualcosa di sbagliato sono fuoco e fiamme assicurati!
Diciamolo chiaramente: non esiste l' alimentatore che va bene per tutto, o meglio potrebbe anche esistere ma costerebbe come il fuoco. Quindi è inutile preoccuparsi di munirsi di un alimentatore galattico quando non si sa cosa bisogna alimentare. Sarebbe come comprare un' auto senza saperne l' utilizzo. Una Ferrari è un' auto veloce e potente ma assolutamente inutile per chi abita in una baita o deve andare a caccia, come pure è inutile per fare la spesa al supermercato. Quindi suggerisco di porsi il problema dell' alimentatore quando questo si presenterà. Se poi ci si vuole cimentare nella costruzione di un alimentatore suggerisco di leggere gli articoli di marco438 Alimentazione dei circuiti sperimentali e "uA723" e "L200" due regolatori troppo spesso dimenticati Io, per il mio lavoro, utilizzo un piccolo alimentatorino che ho descritto nell' articolo Iniziare con il dsPIC33F. L' ho realizzato più di un anno fa e sto usando solo quello perchè non mi serve altro.

Alimentatore

Alimentatore

Una volta sola ho avuto bisogno di un 12V e l' ho preso da un vecchio alimentatore 3-15V 3A che ho comprato più o meno quando è nato mio figlio ventunenne, e che oggi costerebbe una ventina di euro.

Il tester ed il multimetro

In commercio si trovano dei multimetri digitali a pochi euro. Il multimetro è uno strumento che bisogna avere ma purtroppo presenta alcuni difetti. Il primo difetto, anche se per certi versi può essere considerato un pregio, è l' elevata impedenza d' ingresso nelle misure di tensione ma sopratutto di resistenza. E' difficile riuscire a misurare correttamente la resistenza con un multimetro digitale poiché la corrente che viene utilizzata per la misura è bassissima e non è in grado di "pulire" (scusatemi il termine improprio ma in effetti la corrente distrugge il sottile strato di ossido della superficie) il contatto fra i puntali e l' oggetto da misurare. Questo introduce errori a volte macroscopici. La dotazione ideale, seppur economica, dovrebbe comprendere anche un tester analogico. Quello nella foto costa una decina di euro ed è ottimo per la misura delle resistenze anche se manca di precisione.
Il tester analogico è anche utile per visualizzare tensioni e correnti che variano nel tempo. Una tensione variabile viene visualizzata come una lancetta che si muove, un' indicazione ben diversa da un numero che varia continuamente ed in modo apparentemente disordinato. Quindi il mio suggerimento è quello di munirsi dei due strumenti. Nella foto ci sono due multimetri, uno digitale ed uno analogico. Costano pochi euro.

Multimetri

Multimetri

L' oscilloscopio

L' oscilloscopio è il re degli strumenti. Lo considero talmente importante da non poterne fare a meno. Meglio lavorare con un oscilloscopio vecchio e mal ridotto piuttosto che non averlo. Con l' oscilloscopio si misurano tensioni, frequenze, si visualizzano i segnali, si scopre se c'é qualcosa di strano nel circuito. E' uno strumento tuttofare. In commercio si trovano oscilloscopi per tutte le salse (e le tasche). Quelli digitali fanno anche l' analisi dello spettro, hanno la memoria, insomma sono dei veri e propri mostri. Anche nel caso dell' oscilloscopio suggerisco di iniziare con uno poco costoso. Un oscilloscopio a tubo catodico da 20MHz costa poco e serve sempre. Personalmente ne ho uno di questo tipo che ha 20 anni e fa tutto quello che mi serve e non lo cambierei con un digitale di banda superiore. Il problema è che i tubi si esauriscono e comprare un oscilloscopio a tubo usato può riservare sorprese.
Se un giorno avete poi bisogno di un oscilloscopio con certe caratteristiche lo comprerete. Il vecchio sarà sempre utile in caso di guasto.
Il mio motto è "mai senza un oscilloscopio". Piuttosto non lavoro.

La conoscenza

E' fuori discussione che la conoscenza di un minimo di teoria è assolutamente necessaria. Questa si impara con lo studio. Più lo studio è serio meno errori si faranno. Va da se che lo studio serio, quello fatto sui libri, è una pratica per niente leggera e che impegna molto. Esistono comunque riviste di elettronica che, tramite la presentazione di kit di montaggio e con qualche articolo di teoria, qualche conoscenza riescono a darla. Diciamo che l' elettronica non è una materia difficile, di sicuro è una materia complicata.
Tuttavia lo scopo di questo articolo è quello di dare indicazioni su come attrezzarsi per poter cominciare a mettere mano ai circuiti, montarli, provarli ed eventualmente cercare di individuare i problemi quando non funzionano, quindi mi auguro di cuore che, insieme all' entusiasmo, ci sia anche la volontà d' intraprendere uno studio.

35

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

OK Utile Indispensabile esaustivo, quanti fumi di londra, caz..te e tempo risparmiato Grazie del tempo gratuito che dedicate per la mia illuminazione Gaudenzio

Rispondi

di ,

bellissimo articolo proprio quello che cercavo per iniziare ... salvato in preferiti

Rispondi

di ,

Sono veramente contento che questo scritto possa essere stato di aiuto per chi, come me, ama l'elettronica. Non c'è regalo più bello per chi ha (ancora, dopo tanti tanti anni) la passione dentro di se. :)

Rispondi

di ,

Per un neofita come me ci voleva proprio questo articolo, grazie mille di aver condiviso la tua esperienza!!!

Rispondi

di ,

Grazie del bellissimo articolo!

Rispondi

di ,

grazie .... veramente utile

Rispondi

di ,

@Gabriele440: le domande è meglio porle sul forum.

Rispondi

di ,

molto utile...una domanda come posso fare per tagliare le basette mille fori??? grazie

Rispondi

di ,

Complimenti una guida molto completa per chi si avvicina al mondo dell'elettronica. Io ho iniziato con un tester della Ice il 680R, un saldatore, pochi cacciavite ed una pinza. Per spellare i fili usavo i denti o le unghie per quelli più sottili. Tempi passati. Adesso che ho ripreso il mio hobby con qualche euro in più nelle tasche, per dare un tocco di msggiore ordine alle mie realizzazioni, uso guaina termorestringibile, fascette serracavi e guaina spiralata. Per l'ordine dell'attrezzatura suggerirei anche uno di quei pannelli di lamiera con tanti buchi e gli appositi ganci. Ai mie tempi usavo uno scarto di faesite con gancetti ricavati dal filo di ferro. Ma erano sempre altri tempi.....

Rispondi

di ,

Bell'articolo!! Tutto quello descritto in questo articolo non manca nel mio laboratorio!! Bravo!!

Rispondi

di ,

Ottimo! Ho letto l'articolo "tutto d'un fiato"! Per chi è alle prime armi come me è veramente utile!

Rispondi

di ,

Davvero ottimo, c'è tutto l'essenziale!!!

Rispondi

di ,

ottima panoramica !!!! ha sottolineato la cosa più importante per poter lavorare : ORDINE senza quello si fa veramente poca strada

Rispondi

di ,

Articolo molto bello, complimenti! Personalmente, una cosa che mi ha reso i montaggi molto più professionali, che si trova con facilità e che è semplice da utilizzare è stata la guaina termorestringente. L'ho scoperta un po' tardi e mi sono detto: a saperlo prima!

Rispondi

di ,

Ti ringrazio, mi è stato utile :)

Rispondi

di ,

Bravissimo come sempre!!!

Rispondi

di ,

Bene! L' idea era proprio quella di dare uno spunto e qualche suggerimento per iniziare. Nel mio lavoro intraprendo continuamente nuovi studi per nuovi componenti ed altro. L' inizio è sempre il momento più impegnativo. Una volta superato lo scoglio iniziale e capito come è "l' andazzo" la strada è in discesa.

Rispondi

di ,

Complimenti davvero! Cercavo da tempo una guida come questa e ti ringrazio di cuore di averla creata !

Rispondi

di ,

Articolo scritto molto bene, utile per chi si avvicina al mondo elettronico, vien da se che poi ognuno si organizza come più ritiene comodo. Il prossimo step, potrebbe riguardare componenti/attrezzi di livello superiore, ma forse sarebbe esagerato... boh, vedi tu!

Rispondi

di ,

Grazie per gli spunti offerti, in particolare il filo wire-wrap che non conoscevo e che proverò ad usare sulla mia prima millefori. Finora ho fatto esperimenti solo su BreadBoard ma l'ultimo sta diventando complesso (un paio di PIC18, 1 DAC, 1 ADC, 1 SRAM e una ventina di IC serie 74) con problemi di alimentazione e massa (differenze anche di 0,7 V tra vari punti del circuito che in teoria dovrebbero avere medesimo potenziale). Problemi che spero di superare con la millefori saldandovi tutti i componenti. Per l'oscilloscopio, lo ritengo anch'io indispensabile ma da commisurare alle proprie necessità: ho iniziato con un digitale da collegare al PC (150 euro, segnali analogici fino a 200 KHz e digitali fino a 8 MHz) e ne sono soddisfatto. Ora che ho qualche esigenza in più, sto pensando di acquistarne uno più adeguato da circa 1000 euro (sempre digitale con interfaccia USB per il PC).

Rispondi

di ,

Una bruciatura arriverà di sicuro, e di sicuro s' imparerà molto presto, nel giro di un paio di secondi al massimo, che il saldatore è caldo, molto caldo, e che le bruciature non sono piacevoli. :D

Rispondi

di ,

desmo81, d'accordo sulla tipologia di guanti dedicati,se ne trovano per tutte le applicazioni, ma la manualità libera in alcune applicazioni come quella inq uestione (Elettronica) è necessariamente indispensabile anche per gli esperti direi..:-)..poi ci sono casi in cui non puoi farne a meno, uno ad esempio quando si eseguono verifiche di AT con il fioretto, in quei casi l'utilizzo dei guanti isolanti per MT ch eprevedono l'utilizzo di talco per l'infilaggio/sfilaggio , oltre ch eindispensabili, sonomooolto consigliati/obbligatori. per l'oscilloscopio il mio umile parere è di valutarne l'utilizzo/applicazioni, nel mio caso ad esempio sono riuscito a procurarmi (usato) un paio di anni fa un doppia traccia 20 MHz analogico, più che sufficiente per le mie modestissime e limitate applicazioni...:-)

Rispondi

di ,

mir, si in effetti hai ragione non sono il massimo per comodità , come parola "scafandro" penso renda molto l'idea, anche se ormai fanno i modelli aderenti come una muta da sub son sempre un pò "legnosi" da gestire. Per quanto riguarda bruciare non direi , i modelli per lavori elettrici hanno sotto lo strato in tela (che non brucia facilmente) ricoperto da uno strato di plastica o poliuretano autoestinguente; io li uso per proteggermi dagli archi elettrici per lavori sotto tensione anche in continua e grossi problemi col poliuretano non ne ho avuti. Certo per alte temperature persistenti ti rovini le mani comunque ma per livelli da saldatore a stagno un pò aiutano; fino a un pò di tempo fa li usavo perchè prima di ustionarmi almeno riuscivo ad accorgermene e evitare il peggio. Poi è vero che man mano che i lavori son sempre più precisi e le schede su cui saldi si fan piccole migliora l'accortezza , ti serve più manualità e li accantoni... io ho usato questi e mi ci son trovato abbastanza bene, son proprio per uso elettronico e ne fanno di varie tipologie. http://www.showa-europe.com/it/ref-b0500_white.php?history=1 invece per quanto riguarda l'oscilloscopio volevo qualche consiglio in più... comprarlo ricondizionato? pensate possa essere un buon investimento?

Rispondi

di ,

desmo81, utilizzare dei guanti in gomma per difendersi dal saldatore non lo vedo molto salutare se il contatto è serio e la plastica si fonde la parte fusa si salda sulla pelle quindi doppio effetto, oltre che ingombrante per lavori di Elettronica, al limite direi in cuoio anch ese contro le temperature si utilizzano dei guanti dedicati, ma ti assicuro scomodissimi per lavori come quelli che andrà a fare un principiante ed anche un hobbysta elettronico, è un pò come avere uno scafandro....:-)... vien da se che l'attenzione da porre nei confronti del saldatore è massima quindi , un'ottimo supporto per un saldatore a stilo è un'elemento fondamentale che in un piccolo laboratorio non dovrà mai mancare .

Rispondi

di ,

ahaha troppo carino questo articolo! mi son venuti in mente almeno 6 o 7 episodi potenzialmente "incendiari" in cui non ho rispettato alcuni di questi suggerimenti :) aggiungerei solo 1 cosa , un paio di guanti isolanti in gomma di quelli che trovi a € 1,50 dal Brico di turno (perchè "si dice" anche se a me "non è mai successo" )che a chi è alle prime armi capiti sempre di avvicinare accidentalmente la mano al saldatore non ricordandosi che è caldo o toccare qualcosa che non avrebbe dovuto.... :)

Rispondi

di ,

Grazie AOX del suggerimento. Faccio che inserirlo nell' articolo perché può essere utile. :)

Rispondi

di ,

Bellissimo e molto utile, bravo!

Rispondi

di ,

OK TardoFreak. Permettimi di fare una piccola aggiunta ai tuoi suggerimenti. Per non rovinare il tavolo, se fosse antico, un pezzo di gomma quella rigata e spessa, messa al contrario dalla parte liscia (da brico e simili). Sta ferma piantata, resiste a tutto (stagno liquido e punta saldatore compresi) e non la cambi mai. Ogni tanto con straccio e alcool ritorna nera e perfetta.

Rispondi

di ,

L'ABC per chi inizia a cimentarsi con l'Elettronica, Ottimo, Bravo TardoFreak.

Rispondi

di ,

Grazie dell'articolo,sono alle prime armi e mi è stato utile leggere questi consigli di base.

Rispondi

di ,

ottimo articolo, semplice e comprensibile. complimenti.

Rispondi

di ,

Grande Steve! Ottimo articolo, di somma utilita`.

Rispondi

di ,

Un articolo utile ed un'ottima guida. Mi e' piaciuto, bravo!

Rispondi

di ,

Complimenti per chi è alle prime armi è veramente una guida utilissima :)

Rispondi

di ,

Semplice, bello, utile e divertente: ci voleva!

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.