Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

13
voti

(Alcune) illusioni ottiche

Indice

Premessa

Stavo leggendo un topic di EY un po' vecchiotto sulle illusioni e spinto anche dalla lettura di alcune pagine del libro di disegno tecnico, in cui sono trattate in maniera panoramica le illusioni ottiche, ho pensato di scrivere questo breve e (spero) simpatico articolo a riguardo, che si configura come una sorta di "carrellata visiva".
Come sempre spero che l'articolo possa essere di vostro gradimento.
Buona lettura.
Il disegno tecnico deve tenere conto anche dei problemi che possono essere in qualche modo congiunti alle modalità di percezione, anche se in maniera limitata, data la sua caratteristica di presentare la maggiore oggettività possibile.

L'elaborazione dei segnali visivi

L'elaborazione da parte del cervello dei segnali visivi segue alcune regole generali.
Le vediamo insieme.

Prossimità

Gli elementi più vicini sono percepiti come parte di un insieme;

Somiglianza

E' la tendenza a raggruppare elementi simili o ripetuti.
E' il caso della figura che segue, in cui si notano righe o colonne a seconda della disposizione dei punti:

Simmetria

E' la tendenza a percepire come oggetti elementi simmetrici rispetto ad altri che non lo sono.
Ne è un esempio la figura che segue, nella quale sono evidenti colonne nere a sinistra e colonne bianche a destra, con disegno uguale e colori invertiti:

Continuità

E' la tendenza a seguire l'apparenza dell'allineamento generale degli elementi di una figura.
Costituisce la base di ogni mimetismo, tipico di molti animali (basti pensare al camaleonte ad esempio).
Parlando proprio di mimetismo, la seguente figura ritrae un polpo comune mimetizzato sul fondo marino:


La figura che segue invece ritrae due esemplari di Podargus strigoides, il cui piumaggio è molto molto simile alla corteccia di un albero:

Chiusura

E' la tendenza a vedere le forme come se fossero delineate da un margine continuo ignorando quindi delle eventuali interruzioni di questa continuità.
Ne è un esempio la figura che segue in cui si "vede" un quadrato delimitato da quattro cerchi bianchi che in realtà non esiste:

Interpretazione

E' la tendenza a vedere un disegno ambiguo secondo l'ultima proiezione.

Prevalenza (o alternanza figura/sfondo)

Generalmente in un'immagine su diversi piani prevale la sensazione dell'oggetto in primo piano come figura principale, ma una eventuale ambiguità di raffigurazione porta ad interpretazioni diverse, senza elementi oggettivi di decisione (e spesso si verifica la regola dell'ultima percezione).
Un esempio molto famoso è quello della cosiddetta Coppa di Rubin:

Le illusioni

E' quindi evidente che è possibile interpretare in modo scorretto la realtà che viene percepita dall'occhio, e quindi ci si può trovare di fronte le cosiddette illusioni ottiche talvolta anche volute nel settore artistico.
E' il caso, ad esempio, del dipinto Gli ambasciatori di Hans Holbein il Giovane:


Come si può vedere dalla figura che segue, l'opera è conosciuto in particolare per la figura in basso al centro, apparentemente deforme che è l'immagine di un teschio tridimensionale che, per via di una deformazione ottica è correttamente visibile solo se si è posizionati sul lato destro del dipinto, a qualche metro di distanza. Questo effetto ottico, noto come anamorfosi, fu impiegato anche da Leonardo da Vinci.


In alto a sinistra si può scorgere, in un angolo del telo dietro alle due figure centrali, un Crocifisso (evidenziato anch'esso nell'immagine a destra) che simboleggia che nonostante tutte le cose (invenzioni scientifiche, vestiti sfarzosi, lusso ecc..) siano destinate a morire, si può rivolgere lo sguardo al Crocifisso, unico luogo dove ognuno può trovare la salvezza sua e della propria vita.


Spesso però le illusioni ottiche sono anche causa di confusione nel disegno tecnico,
La presenza di linee disposte in un certo modo, l'abitudine a vedere la realtà secondo precisi schemi abituali possono anche generare difficoltà quando si vuole comprendere il disegno.

(Il quadrato ed il cerchio sono di forma perfetta.)


Nell'illusione di Poggendorf, ad esempio, la linea retta continua appare spezzata:


L'illusione di Ponzo, invece, è quella in cui il cerchio di sinistra appare più grande, nonostante sia uguale a quell'altro:

Una simile è la seguente


Il problema fu studiato in maniera sistematica fin dall'800 e in merito all'argomento vi è una vasta letteratura (e sono molti gli esempi che si trovano in rete). Motivo per cui, di seguito, ci limiteremo ad esporre alcuni esempi.


Nell'illusione di Hering (1861), le due linee rosse sono parallele anche se non sembra:

Simile è quella di Wundt (1896)



La presenza di altri elementi, inoltre, come il colore, accompagnato dalle forme, complica la percezione.

Ecco un esempio di un altro inganno del parallelismo. Si trova già presente in un mosaico romano del Puy-de-Dôme. Lo sfasamento delle righe di una scacchiera, crea l'illusione di cunei alternati

Anche nella valutazione delle lunghezze si può essere ingannati. Nella figura che segue ecco due esempi. Il primo, scoperto da Adolf Fick nel 1851, mostra come un segmento interrotto appaia più corto di quello che lo interrompe. La seconda è l'illusione di Muller Lyer inventata nel 1889, dove le lunghezze dei segmenti appaiono diverse perché le punte delle frecce vanno in direzione opposta


Nella seguenti figure si è portati a ritenere che ci siano delle spirali, ma invece ci sono solo cerchi concentrici: è l'illusione scoperta da James Frazer nel 1908. Anche dopo aver controllato con un dito che ci sono effettivamente solo cerchi, l'illusione permane.


Quando il disegno bidimensionale vuole rendere l'effetto spaziale, si scopre un significato dell'illusione ottica. ma sono rilevabili nuovi aspetti di rappresentazioni ambigue o errate, nonostante una prima diversa impressione.
Sono in sostanza problemi ed aspetti studiati da teorici della percezione che hanno accostato il loro nome ad immagini che fanno parte della nostra conoscenza abituale.


Ad esempio il cubo di Necker è una classica rappresentazione assonometrica in cui una faccia può essere vista in primo piano o nella posizione più lontana:


Altre illusioni invece sono rappresentazioni di oggetti impossibili come:

  • il cubo impossibile

  • il tribar:

  • triangolo Penrose:

Con gli oggetti impossibili di Oscar Reutesvärd la PHilips organizzò, negli anni 1994/1995 una campagna pubblicitaria per i suoi prodotti : "Philips aggiunge nuove dimensioni. Vedete, niente è impossibile"



Un altro esempio è quello delle ombre cinesi come immagine proiettata, come quella di Holyoak e Thagard:


Altre illusioni, tra le più note, sono illusioni di movimento: è il caso della figura che segue in cui le ruote sembrano muoversi ma in realtà sono ferme.

Bibliografia

  • Disegno tecnico industriale - Chirone, Tornincasa.
  • Illusioni ottiche - Wikipedia.
  • C'è spazio per tutti- Piergiorgio Odifreddi - ed. Mondadori 2010
26

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

Complimenti tardivi per l'articolo, speriamo che ASDF torni a frequentare il forum! Nell'ultima figura io percepisco in movimento solo le figure fuori dal centro del campo visivo, non quella che fisso..mi devo preoccupare? :-)

Rispondi

di ,

Bellissimo!!! :)

Rispondi

di ,

Grazie F0112358 :) .

Rispondi

di ,

Bellissimo, complimenti!!

Rispondi

di ,

Ctero, cnocesvo qutesa ntoiazia Ste75 :-) .

Rispondi

di ,

Firguati asdf! E' porpiro vreo. Non irmptoa cmoe snoo sctrite le plaroe, tutte le letetre posnsoo esesre al pstoo sbgalaito, è ipmtortane sloo che la prmia e l’umltia letrtea saino al ptoso gtsiuo, il rteso non ctona. Il cerlvelo è comquune semrpe in gdrao di decraifre tttuo qtueso coas, pcheré non lgege ongi silngoa ltetrea, ma lgege la palroa nel suo insmiee… vstio?

Rispondi

di ,

E' vero hai ragione Ste75. E pensare che queste sono solo alcune delle tane illusioni ottiche esistenti. Grazie mille per l'apprezzamento :-) .

Rispondi

di ,

Bello. L'ho proprio gustato. E' incredibile sapere come il nostro cervello possa essere facilmente ingannato! Un po quasi mi spaventa! Ciao

Rispondi

di ,

Grazie mille eureolios :-) .

Rispondi

di ,

Davvero interessante, complimenti a Paolo!!!

Rispondi

di ,

Eh lo so Paolino, posso capire il tuo stato d'animo, alcune immagini sono davvero "difficili" da guardare senza che ci si perda o che cominci a girare la testa :-) . Grazie per l'apprezzamento :-) .

Rispondi

di ,

Alcune immagini mi hanno letteralmente fatto girare la testa :-). Interessante, molto interessante!

Rispondi

di ,

Grazie roby.73 :-) .

Rispondi

di ,

bellissimo!!!! articolo interessante e ben fatto gli oggetti philips mi hanno distrutto il sistema ottico.....

Rispondi

di ,

Grazie a te carlo.

Rispondi

di ,

Bello! veramente interessante. Grazie, -carlo.

Rispondi

di ,

Grazie AjKDAP e DarwinNE per i complimenti, grazie davvero :-). @DarwiNE, vedremo se in futuro, dopo essermi meglio documentato, riuscirò a scrivere un articolo di approfondimento sul tema da te citato. E' indubbiamente questo un settore molto ma molto interessante. Grazie ancora per i vostri apprezzamenti :-) .

Rispondi

di ,

Bellissimo! Per constatare che le due spirali erano fatte da cerchi concentrici ho dovuto seguire le linee con il mouse! ;D Sembrano davvero delle spirali! Complimenti per l'articolo asdf!

Rispondi

di ,

Complimenti! Mi è piaciuta molto la rappresentazione del teschio anamorfico. Conoscevo bene il dipinto, ma non avevo mai capito come osservare il teschio! Forse (magari in un prossimo articolo) potresti dire due parole sulla fissità cognitiva (mi pare che in italiano si chiami così), che del resto si manifesta nella coppa di Rubin. Il disegno si può interpretare in due modi diversi e costa fatica passare da uno all'altro.

Rispondi

di ,

Grazie paolo1969 :-). E' vero, è difficile uscire indenni dalla visione dell'ultima immagine :-) .

Rispondi

di ,

Bellissimo....l'ultima immagine mi fa venire il mal di mare....... :-)

Rispondi

di ,

Ahahah :D, hai ragione DADO91 :-) . Grazie per il tuo apprezzamento :-) .

Rispondi

di ,

A leggere questo articolo mi si sono storti gli occhi!!! *.*

Rispondi

di ,

*(Hanno sempre appassionato anche me)..perdonate il mio errore di grammatica del commento precedente.

Rispondi

di ,

Grazie Attilio per l'apprezzamento :-). Hanno sempre appassionato anche a me, e pensare che ce ne sono davvero tantissimi e ognuno ha il proprio "fascino".

Rispondi

di ,

Fantastico! Questi fenomeni ottici mi hanno sempre appassionato

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.