Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

11
voti

Studio per modello dei pannelli solari (1)

Indice

Il problema

Devo alla collaborazione di davidde la possibilità di indagare sul comportamento tipico dei pannelli solari.

Lo ringrazio quindi per le prove effettuate, che hanno permesso la raccolta dei dati sperimentali su cui basare la ricerca.

Scopo di questa è infatti la fattibilità di un modello elettrico equivalente ad un pannello solare, che permetta di prevederne il comportamento in determinate condizioni di utilizzo.


Il pannello solare è un elemento fortemente non-lineare, quindi qualsiasi schematizzazione che non tenga conto di questo è illusoria: molti invece lo considerano semplicemente come una "batteria" (quindi un tipico generatore di tensione), altri, partendo dalla teoria dell'effetto fotoelettrico, lo considerano come un "generatore di corrente costante" (a parità d'irraggiamento).

La realtà è una via di mezzo: a bassa tensione (cioè con carichi a bassa resistenza) si comporta "quasi" da generatore di corrente, per tensioni oltre una certa soglia si comporta invece "quasi" come generatore di tensione.

La realtà: i dati di prova

Partiamo quindi dai dati misurati da davidde su un pannello da 5Wp, con questa configurazione di prova:

Illuminando il pannello con una lampada alogena da 1000W e variando le resistenze di carico si sono ottenuti questi valori:

ed ecco la loro rappresentazione grafica :

La figura dimostra chiaramente quanto prima detto sulla caratteristica dei pannelli: una forte non-linearità con andamenti nettamente diversi per tensioni minori o maggiori ad una certo valore (qui 12V), valore che corrisponde al massimo di potenza utilizzata.


Il grafico è infatti completato dalla curva della potenza (divisa per 10, per necessità di scala) da cui appare che la zona di maggiori potenze è proprio quella a cavallo della tensione in questione.

In realtà il punto a 12V è stato ricavato per interpolazione (non fa infatti parte dei valori misurati), ma è stato evidenziato proprio per mettere in risalto la corrispondenza con la potenza massima erogata (4W, al posto dei 5 nominali, significa che l'irraggiamento, con lampada a 1000W, non è quello massimo previsto per il pannello!)

Modello a segmenti

Le considerazioni fatte sull'andamento della caratteristica, suggeriscono un modello particolarmente semplificato: un modello a 2 segmenti di retta che si incontrano nel punto di massima potenza.

In altre parole, si considerano i 3 punti caratteristici (ricavabili anche dai dati nominali del pannello): in cortocircuito (0,I0), a massima potenza (VM,IM) e a vuoto (V0,0). Le rette che li uniscono sono quindi:


I = I0 - \frac{V}{R1} , dove  R1 = \frac{VM}{I0-IM} (quasi generatore di corrente) e


I = IM - \frac{V0-V}{R2} , dove  R2 = \frac {V0-VM}{IM} (quasi generatore di tensione).


Ecco la semplice implementazione in MathCad del pannello da 5Wp visto precedentemente:

Come si puo' vedere, l'approssimazione è grossolana ma, tenendo conto della semplicità del metodo e del fatto che la zona d'interesse pratico è limitata attorno al punto di massima potenza (in questo caso tra 11 e 13V), può essere senz'altro utilizzata.

Modello esponenziale

Alcune pubblicazioni scientifiche fanno derivare il modello da considerazioni teoriche, associando un generatore di corrente ad un diodo di cui si devono stabilire i parametri.

Ecco il modello proposto:

Dove I0 è la corrente in cortocircuito (Vd=0). Per tutti gli altri valoro di carico, la I in uscita stabilisce una tensione Vd che a sua volta determina la corrente Id nel diodo.

Questo richiede la determinazione dei parametri Io e K, determinazione che può essere fatta partendo dai dati sperimentali ed applicando metodi matematici di "curve fitting".

In particolare verrà qui utilizzata la funzione genfit() di MathCad (per particolari vedi articolo).

I dati sperimentali (x,y) riportati in tabelle, permettono il calcolo dei parametri (qui k0 e k1) della funzione esponenziale che determina la corrente (yc) in funzione della tensione (xc).

Il risultato permette di ricavare l'andamento della curva (traccia rossa) confrontata con i dati sperimentali (punti rossi). Viene anche tracciata (in blu) la significativa curva della potenza (/10):

Come si può vedere, il metodo raggiunge una buona interpolazione dei valori ricavati sperimentalmente.

Altri modelli

Altri, più complessi approcci al problema, considerano ideale la caratteristica dell diodo (con parametri ricavati da leggi fisiche) e "personalizzano" il modello aggiungendo una resistenza in parallelo al diodo ed un'altra in serie all'uscita (vedi ad es. questo).


Per applicazioni del genere, si rimanda a simulazioni "professionali" come quelle disponibili in LabView.


Per gli scopi di questo studio, penso ci si possa fermare qui, rimandando a prossimi articoli il discorso di come variano i parametri al variare dell'irraggiamento e della possibilità di applicazione dei modelli a problemi concreti di utilizzo dei pannelli solari (ad es. per la carica di batterie).


Visto l'interesse che questi dispositivi suscitano nei visitatori del Forum, sollecito la collaborazione di quanti li hanno utilizzati, perché segnalino risultati ottenuti o difficoltà incontrate, in modo che possano essere considerati nel proseguimento di questo studio.

4

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

ciao a tutti... sono nuovo e spero di non sbagliare posto. complimenti per il sito che seguo sempre con attenzione. Comunque, in un momento di pausa (quindi può essere che ho fatto qualche errore) ho preso i punti forniti dall'articolo e li ho interpolati con un polinomio di 4 grado (ottenendo una caratteristica IV abbastanza buona anche se ho perso qualcosina sulla Voc) da questa sono andato a ricavare i valori del modello con la resistenza in serie Rs e la resistenza in parallelo.. ottenendo eta =47.7389 -fattore di idealità Io =1.4009e-006 -I saturazione inversa Rs =4.3632 -R serie Rsh=203 -R parallelo Per avere dei risultati corretti bisognerebbe conoscere il numero di celle che compongono il modulo (sembrerebbero una quarantina). Non sapendo dove postarle non ho messo le caratteristiche e il modello. Ho provato ad applicare un modello con la sola resisteza serie ottenendo: Rs=28 [ohm] suppongo che in questo modo oltre a tener conto della resistenza dei contatti sui morsetti e dei collegamenti tra le celle, la Rs cerchi di simulare anche le perdite dovute a ricombinazione interne al modulo. Spero di aver postato qualcosa che possa interessarvi.

Rispondi

di ,

Trovo ottima l'idea di un articolo come questo, per due motivi secondo me importanti.

Il primo riguarda il metodo, poiché esso coinvolge, nel suo sviluppo, più partecipanti ad ElectroYou. Ciò consente di aumentare le possibilità di ognuno, che può contribuire con i suoi mezzi arricchendo nel contempo le sue conoscenze.

Il secondo è proprio il contenuto. Ritengo sia indispensabile diffondere il più possibile la conoscenza della conversione diretta dell'energia solare in elettrica. Siamo sicuramente ancora molto lontani dallo sfruttamento migliore di tale fonte energetica, ma i progressi nel campo dell'elettronica registrati in altri ambiti con una velocità ed una crescita vertiginosa con il diffondersi capillare delle applicazioni, fanno ben sperare anche per lo sfruttamento della fonte energetica, io direi, primaria.

Rispondi

di ,

Infatti e' quello che ci proponiamo di fare: davidde sta raccogliendo i dati in questo senso, ed io li aspetto per inserirli nel modello "generalizzato"

Rispondi

di ,

Complimenti per l'articolo, estremamente interessante. Sarebbe interessante valutare le variazioni del modello ricavato in base all'irraggiamento del pannello. Saluti, Dario.

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.