Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

7
voti

Arriva l'inverno - Cavi scaldanti

Con l'arrivo dell'inverno mi sembra lecito affrontare il tema dei cavi scaldanti. Molti li conoscono e vi hanno avuto a che fare perché utilizzati frequentemente per risolvere i problemi di congelamento dei tubi antincendio, in special modo se di diametro ridotto, ma hanno molte altre applicazioni che possono risolvere problemi nella vita quotidiana soprattutto in luoghi dove le temperature sono parecchio rigide nei periodi invernali.

Indice

Applicazioni e controllo


Esistono varie tipologie di cavi ed utilizzo ma si possono principalmente suddividere in tre categorie di utilizzo e due categorie di controllo:

Utilizzo

  1. Cavi scaldanti per rampe stradali;
  2. Cavi Scaldanti anti gelo;
  3. Cavi scaldanti per il mantenimento in temperatura dei fluidi.

Controllo

  1. Autoregolanti (Non necessitano di un termostato per il controllo della temperatura, l' utilizzo è comunque una opzione aggiuntiva). I polimeri con cui sono isolati i conduttori hanno la proprietà di variare la propria resistenza in base alla temperatura
  2. Attivati con termostato (necessitano per il loro funzionamento di un termostato)

Cavi scaldanti per rampe stradali

Sono utilizzati principalmente per evitare la formazione di ghiaccio sulle rampe di salita e discesa nelle rimesse auto e agli accessi carrabili con pendenze significative.Sono disposti a serpentina sotto lo strato di sabbia e cemento delle rampe.

Cavi scaldanti antigelo

Sono utilizzati per evitare il congelamento di tubature e il formarsi di ghiaccio in tetti e grondaie.
Sulle tubature sono normalmente fissati con nastro a fibra di vetro a spirale (per tubi di grosso diametro) o lungo il tubo.

Cavi scaldanti per il mantenimento in temperatura di fluidi

Sono utilizzati per il mantenimento in temperatura dei fluidi.
Possono essere disposti linearmente sul tubo o a spirale e sono normalmente posizionati al di sotto di una coibentazione del tubo stesso.

I cavi scaldanti non devono attraversare pareti rei.

Scelta dei cavi


La scelta dei cavi in primis deve tener conto dell' utilizzo a cui sono destinati e alle temperature di esercizio.
Esistono cavi di svariate potenze W/m .
Per rendere più facile la comprensione prendiamo in esame i cavi prodotti dalla Fantini Cosmi.

K13c - K17c sono due modelli a potenza costante per rampe stradali, il primo eroga una potenza di 15 W/m il secondo 17 W/m, entrambi i cavi non possono essere tagliati e sono disponibili in 4 misure di lunghezza.

K15a è un modello a potenza costante contro il gelo utilizzato principalmente per evitare il congelamento di tubi per liquidi ma è utilizzato anche per tetti e grondaie.
La potenza è di 15 W/m la protezione consigliata è di 16 A per max 100 m di cavo.
Il cavo può essere tagliato, è necessario l' utilizzo di un kit per la coda fredda di collegamento e la parte terminale.

K20A - K30A - K40A sono modelli per il mantenimento in temperatura di liquidi all'interno di tubazioni o altri contenitori rispettivamente 20 W/m 30 W/m 40 W/m.
La protezione consigliata è 25 A per max 155 m per il KA20, 32A per max 120 m per il KA30 e 32 A per max 100 m.
Il cavo può essere tagliato, è necessario l' utilizzo di un kit per la coda fredda di collegamento e la parte terminale.

K55A - K65A sono modelli per il mantenimento in temperatura di liquidi all'interno di tubazioni o altri contenitori ad elevate temperature (per esempio acque sanitarie).
La temperatura di lavoro è di 55°C per il K55A e 65°C per il K65A.
La protezione consigliata è di 10 A per max 50 m, 16 A per max 80 m, 20 A per max 120 m.
Il cavo può essere tagliato, è necessario l'utilizzo di un kit per la coda fredda di collegamento e la parte terminale.

K12C è un modello contro il gelo con potenza di 12W/m che necessita di un termostato per il suo utilizzo.
Sono forniti in 3 misure 25 m, 50 m, e 75 m.
La protezione consigliata è di 6 A

Per l'installazione dei cavi scaldanti devono essere utilizzati gli accessori indicati dalla casa costruttrice del cavo (nastri di fissaggio, scatole di derivazione, ecc.).

I cavi scaldanti sono prodotti da svariate ditte tra le quali segnalo:
FANTINI COSMI, TEMAR, RAY TECH, TECNOLARIO SERVICE, ELMITI, ELETTROGAMMA, TECAM, ROTFIL, CALORFLEX.

Dal catalogo Fantini Cosmi.jpg

20

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

Mi fa piacere che vi sia piaciuto, grazie a voi:)

Rispondi

di ,

Molto interessante. Grazie!

Rispondi

di ,

Ho capito perfettamente grazie :-)

Rispondi

di ,

Il cavo in questione mantiene una temperatura costante compresa tra +5C° e +15°. Quindi al di sotto dei 5C° si attiva ed al di sopra dei 15C° si disattiva. Il consumo è di 10 W/m quindi per misure ridotte come il tuo caso è un consumo non eccessivo 30W per 3metri o 60W per 6 metri. Se calcoli i disagi che può provocare un tubo congelato direi che è più che accettabile.

Rispondi

di ,

Un ultima cosa massimo mi sorge un dubbio ma stando sempre alimentati questi cavi hanno un alto consumo di corrente ? "per la bolletta dico :-) "

Rispondi

di ,

Ok allora si fa senza anche la cassetta di derivazione :) grazie ottimo articolo comunque

Rispondi

di ,

Esattamente, ti basta una presa shuko.

Rispondi

di ,

Grazie mille delle risposte Massimo quindi se ho capito bene nel secondo caso citato da te vendono i fili scaldanti con cablaggi a posta che quindi in parole povere dovrei semplicemente attaccare la spina ad una presa di casa giusto?

Rispondi

di ,

Nel tuo caso per esempio il KIT K10C della fantini cosmi risolverebbe anche i problemi di cablaggio. Si tratta di un cavo precablato con spina shuko pronto all' uso disponibile in 4 versioni, 3m, 6m, 9m, 14m. Nel tuo caso su un tubo da 1,5m la versione da 3m o se proprio vuoi stare tranquillo da 6m sarebbe l' ideale. Ricorda però che il cavo va fissato al tubo con nastri adesivi in fibra di vetro per esempio il K50 sempre della Fantini Cosmi. In oltre il cavo non deve mai sovrapporsi su se stesso.

Rispondi

di ,

I cavi scaldanti devono essere connessi in apposite scatole di derivazioni che sono atte a sopportare le temperature prodotte dal cavo stesso, oltre a garantire il grado di isolamento necessario. Il collegamento (freddo) all' alimentazione viene garantito tramite un apposito kit fornito dal costruttore. La coibentazione se all' esterno direi che è necessaria.

Rispondi

di ,

E' un tubo di scarico di una caldaia che è di 3 centimetri di diametro e sarà la lunghezza di 1.5 metri massimo 2 metri. l'unico problema è che si trova all' esterno fuori al balcone e quindi è spesso a contatto con acqua piovana.pensavo di metterli a spirale sul tubo e poi magari ricoprirli da un tubo di quelli neri adatto "tipo spugna".. ma vanno semplicemente collegati a 220 come una presa normale ?

Rispondi

di ,

I cavi scaldanti se adeguatamente installati sono resistenti all' acqua. Ovviamente devono essere utilizzati i materiali indicati dal produttore e correttamente installati. Se poi sarai così gentile da fornirmi una foto del tuo caso specifico e i dati utili (come per esempio la lunghezza e il diametro delle condutture) sarò lieto di indicarti una possibile soluzione adeguata al tuo scopo con i relativi componenti da utilizzare.

Rispondi

di ,

ho capito massimo solo una cosa ma sono resistenti al acqua?siccome è all esterno e ho paura che quando piove ci possa andare l'acqua sopra e quindi possano essere pericolosi?

Rispondi

di ,

Il K15A della Fantini Cosmi potrebbe essere una soluzione al tuo problema

Rispondi

di ,

Scusate per il commento vuoto ha fatto tutto da solo il computer... Rispondendo a Francesco... I cavi scaldanti sono alimentati da linee 230V AC, nel tuo caso specifico utilizzando un cavo antigelo potresti risolvere il problema, dopo la posa del cavo sarebbe meglio coibentare il tubo

Rispondi

di ,

Rispondi

di ,

Ma questi cavi come funzionano vanno alimentati ??Io ho un problema con il tubo della condensa di scarico della caldaia che è' all esterno e gela in inverno forse se ci arrotolo uno di questi cavi risolvo il problema !?

Rispondi

di ,

Ma questi cavi come funzionano vanno alimentati ??Io ho un problema con il tubo della condensa di scarico della caldaia che è' all esterno forse se ci arrotolo uno di questi cavi risolvo il problema !?

Rispondi

di ,

Veramente interessante Massimo. Li ho sempre visti applicati a tubazioni esterne ma non immaginavo potessero essere applicati anche sotto l'asfalto. Grazie, -carlo.

Rispondi

di ,

grazie max

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.