Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

20
voti

Lettera aperta all'Autorità per l'Energia

Spett. Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas
Con la presente sono a chiedere alcuni chiarimenti relativamente alla Norma CEI 0-21, norma che regola la connessione degli utenti attivi e passivi alle reti pubbliche di Bassa Tensione.
La richiesta deriva dai disagi che ha creato la repentina messa in vigore della suddetta norma, senza un adeguato periodo di "rodaggio", con problemi tutt’altro che semplici da risolvere per utenti, installatori, costruttori, progettisti, in particolare per il settore fotovoltaico, ma per tutta l'impiantistica in generale dedicata alle Fonti Rinnovabili.

Indice

Prima Domanda

Visti i rischi che sta correndo il Sistema Elettrico Nazionale, come mai Terna ha pubblicato l’Allegato A70 al Codice di Rete solamente nel 2012, quando altri paesi europei avevano pubblicato documenti similari molti anni prima ?
Ad esempio la Guida Tecnica “Generating Plants Connected to the Medium-Voltage Network” pubblicata in lingua inglese nel 2008 dal BDEW, l’Associazione tedesca per l’energia e l’acqua, oppure nelle guide della francese EDF/ERDF del 2007/2008, oppure nei documenti del consorzio PV_Upscale, sempre del 2008.

Seconda Domanda

Come mai la Delibera 84/2012 non ha richiesto l’adeguamento all’Allegato A70 per tutti gli impianti di produzione elettrica con potenza maggiore di 50 kW, indipendentemente dalla rete alla quale sono connessi ?
Ad esempio, per il fotovoltaico, come riportato nella Relazione sulle Attività del GSE del Marzo 2012, è evidente che gli impianti che possono influire sulla sicurezza del Sistema Elettrico Nazionale sono quelli che stanno nella fascia con potenza superiore a 20 kW.
In queste fasce, infatti, si trovano il maggior numero di impianti e le potenze più elevate, ma ciò non dipende dalla connessione alla rete di Media o di Bassa Tensione.

Terza Domanda

Che necessità c’era di dare attuazione alla Norma CEI 0-21 in un tempo così breve, visto che si tratta di una Norma importante per l’esercizio delle reti BT, ma solo in seconda battuta per la sicurezza della Rete Nazionale ?
In pratica, visto l’esiguo numero di impianti che saranno realizzati conformemente CEI 0-21 rispetto a tutti gli altri impianti di produzione connessi in BT, c'è il rischio che tale attuazione non apporti alcun beneficio al problema della mancanza di “Potenza Regolante”.

Quarta Domanda

Quali criteri tecnico-scientifici hanno spinto la Norma CEI 0-21 adabbassare a 6 kW la soglia di installazione della protezione di interfaccia esterna, visto che le precedenti norme di ENEL Distribuzione stabilivano questo limite a 20 kW ?
Allo scrivente non sono giunte notizie di incidenti mortali o altri sinistri che possano aver suggerito tale riduzione. Visto che, ad esempio in Germania ed Austria tale limite è di 30 kW, la riduzione a 6 kW appare ingiustificata oltre che vessatoria nei confronti dei clienti produttori.
Tale modifica, tra l'altro, è quella che ha causato l'irreperibilità delle Protezioni di Interfaccia, di cui l’Autorità è già al corrente.

Quinta Domanda

Quali criteri tecnico-scientifici hanno spinto la Norma CEI 0-21 ad introdurre l’obbligo di verifica strumentale delle protezioni di interfaccia esterne, tramite “Cassetta Prova Relè”, visto che tali dispositivi sono già verificati da costruttori e/o laboratori qualificati ISO 9001 ?
Da notare che molti di questi componenti non sono modificabili dall’installatore, quindi a maggior ragione il test si presenta come ridondante.
La cosa migliore sarebbe stata di riportare in ingresso al relè, la posizione del Dispositivo di Interfaccia : si poteva veramente fare un autotest con la misura del tempo di scatto del DDI, realizzabile in qualunque momento dall'utente e senza nessuna costosissima cassetta.

Sesta Domanda

Sempre relativamente alla Norma CEI 0-21, quali criteri tecnico-scientifici giustificano la necessità di dotare gli inverter della funzione di “Autotest” ?
Allo scrivente risulta che l’Italia sia l'unico paese che richiede tale funzione.

Settima Domanda

Come mai la Delibera 84/2012 non ha richiesto l’adeguamento all’Allegato A70 per nessun tipo di impianto connesso alla rete di Bassa Tensione ?
In questi impianti la modifica delle soglie di inverter e/o protezioni di interfaccia è alla portata degli installatori e non richiede nessun nuovo componente.
L’adeguamento con le soglie previste dall’Allegato A70, ad esempio per tutti gli impianti connessi in BT oltre 20kW, sarebbe stato realizzabile in un tempo molto breve, a tutto vantaggio della sicurezza del sistema elettrico nazionale, e non avrebbe avuto nessuna incidenza sul mercato dei componenti elettrici.

Per. Ind. Marco Dal Prà
Mestre (Venezia)

15

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

Come saprete sotto l'albero di natale abbiamo trovato 2 delibere AEEG e la nuova CEI 0-16 III Ed. Rimanendo in tema di prove con cassetta relè delle PI nonostante questi aggiornamenti per gli impianti in adeguamento e con connessioni in via di definizione non occorreranno le prove con cassetta relè in quanto La 562/12 recita che: il paragrafo 8.8.8.2 e i relativi Allegati trovano applicazione per gli impianti per i quali la data di invio della richiesta di connessione completa è successiva al 31 marzo 2013. Nelle more dell’applicazione del paragrafo e degli Allegati sopra richiamati, si applicano le pertinenti prescrizioni contenute nell’Allegato A70 al Codice di rete; ("8.8.8.2 Regolazioni del sistema di protezione di interfaccia") Saluti

Rispondi

di ,

Si infatti l'Enel è informatissima ma alcuni funzionari dicono che "autorità superiori" gli hanno imposto di ignorarla e di non accettare adeguamenti a allegato A70 (aggiunta TV o sensori voltmetrici e relè di interfaccia con sblocco voltmetrico) se non corredati di stampa risultato cassetta di prova

Rispondi

di ,

Tra i terzi c'è anche il responsabile Affari Regolamentari di Enel!!! Quindi Enel e' informatissima così come il CEI.

Rispondi

di ,

I funzionari potrebbero avere anche ragione, visto che è una lettera, e tra l'altro inviata a terzi. Ma perchè l'Autorità a riguardo non ha pubblicato un chiarimento, invece che una lettera ????

Rispondi

di ,

E sono disposti a metterlo per iscritto? O sono i soliti burocratovigliacchi?

Rispondi

di ,

Funzionari enel dicono testualmente che della lettera dell'AEEG dove si intima di non richiedere la prova con casetta relè per impianti soggetti alla CEI 0-16 a loro non frega niente. Per loro è carta straccia

Rispondi

di ,

anche Hera di Modena ha le idee piuttosto confuse (poche idee ma molto confuse come si è soliti dire) e non fà differenza tra CEI 0-16 e CEI 0-21, non ha capito che sono due ambiti diversi. Spero che prima o poi rinsaviscano...

Rispondi

di ,

Penso che AEEG abbia risposto a chi ha chiesto il chiarimento ed abbia coinvolto chi non rispetta le regole tecniche di connessione e cioe' Enel che ha fatto confusione tra CEI 0-21 e CEI 0-16. (volutamente) La cosa grave e' che a tutt'oggi Enel richiede queste prove per nuovi allacci mt nonostante il richiamo della AEEG. Per quanto riguarda le CEI 0-21 avrai notato anche tu che gli ultimissimi regolamenti di esercizio di Enel si sono adeguati alle disposizioni A70 e quindi si ripassa a finestra larga per f. Ora cosa facciamo con gli inverter settati a finestra stretta tra luglio ed agosto?..... Ci chiederanno di riandare a modificarli??? Occorrerà scrivere a Ing. Delfanti presidente del CT 316 per capire per quale ragione ci sia questa confusione ........che dici???

Rispondi

di ,

Grazie Matteo per il Link alla lettera dell'Autorità per l'Energia sulla questione della Cassetta Prova Relè.
Qualche altro frequentatore del forum mi aveva segnalato l'esistenza di questo documento, ma PERCHE' l'Autority l'ha tenuta come documento riservato ? C'è qualcosa da nascondere ? Come farebbe qualsiasi azienda seria... non poteva pubblicare sul sito un COMUNICATO STAMPA ?

Rispondi

di ,

A me ha risposto....In merito alla richiesta di Enel per le prove con cassetta rele in MT http://newsenergia.com/wp-content/uploads/2012/08/Nota-AEEG-Cei-O-16.pdf Saluti Per.Ind. Marras Matteo

Rispondi

di ,

bella lettera... mi conforta sapere che in tanti pensiamo le stesse cose. iniizavo a sentirmi un pò solo :) almeno so che non son l'unico a tenere in considerazione gli organi amministrativi come persone poco competenti.

Rispondi

di ,

Sarà, ma di criteri tecnico-scientifici ne vedo davvero pochi nella CEI 0-21 e A70, quello vedo sono solo gli enormi interessi economici dei "pochi" che si sono visti fa concorrenza dai "molti", produttori ovviamente.....

Rispondi

di ,

Voglio proprio vedere se rispondono. Intanto quoto positivamente l'articolo.

Rispondi

di ,

spero vivamente che qualcuno dell'AEEG risponda (prima o poi)

Rispondi

di ,

Bello, come al solito. Subito fra i preferiti. Grazie

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.