Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricerca personalizzata
14
voti

FidoCadJ portabile, un CAE al guinzaglio

Indice

Introduzione

Nel gergo tecnico in campo informatico, un'applicazione si definisce portabile quando la stessa può essere eseguita senza installarla sul disco fisso di un computer, bensì mediante l'utilizzo di un dispositivo rimovibile, tipicamente una chiavetta USB.

Nota: la definizione di applicazione portabile non deve essere confusa con quella di software portabile.


I vantaggi di questo tipo di memorizzazione sono vari:

  • l'applicazione è sempre disponibile, anche su computer differenti, a parità di sistema operativo
  • disponendo di diversi computer, non si è costretti ad installare su tutti i computer l'applicazione e neppure le eventuali dipendenze
  • dovendo spostarsi di luogo, è possibile portarsi dietro la sola chiavetta, purchè nella destinazione risulti disponibile un computer con il medesimo sistema operativo.

Partecipando alle varie discussioni su ElectroYou, capita con una certa frequenza che un utente non possa inserire schemi nel forum perché sul computer in uso in quel momento non è possibile installare applicazioni; io stesso, usando al lavoro un computer aziendale con utenza non privilegiata, incappo spesso nel problema di non poter modificare gli schemi circuitali fatti con FidoCadj quando sono a casa.

Partendo da problemi di questo tipo, ho pensato di rendere FidoCadJ portabile su una chiavetta USB, compito facilitato dal fatto che questa applicazione è sviluppata in linguaggio Java® su un singolo jar contenente tutte le componenti software dell'applicazione; sulla chiavetta è previsto anche di memorizzare una copia del JRE (Java Runtime Environment) che è il motore software, specifico del sistema operativo, che permette di eseguire il jar di FidoCadJ su un generico computer.

La procedura nel seguito descritta è differenziata tra Microsoft Windows® XP e Linux; il medesimo jar di FidoCadJ funziona su entrambi i sistemi operativi con la sola condizione che sulla chiavetta sia memorizzato il JRE specifico del sistema operativo.

Primo passo - il dispositivo USB

Prima di tutto è necessario disporre di una chiavetta USB di capacità sufficiente; per il JRE di Windows e FidoCadJ sono sufficienti 100 MB ma è bene considerare dello spazio aggiuntivo per custodire gli schemi; se si vuole usare FidoCadJ anche su Linux è necessario memorizzare anche JRE per Linux, che richiede ulteriori 120 MB circa.

La chiavetta è bene che sia formattata in FAT32, in modo da poter leggere e scrivere sia con Windows che con Linux; in alternativa, è possibile creare sulla chiavetta due partizioni, una in FAT32 e l'altra di tipo linux da formattare in ext3 ma, in questo modo, la configurazione è più complicata e la lascio ai più smaliziati.

Nel prosieguo, si farà sempre riferimento ad una installazione su unica partizione FAT32.

E' opportuno che sulla chiavetta sia presente almeno una cartella principale adibita a contenere le varie applicazioni, come FidoCadJ, e/o i software di supporto, come il JRE.

A questo punto inseriamo la chiavetta nella porta USB ed attendiamo che venga montata dall'automount (se l'utente lo ha disabilitato, dovrebbe sapere anche come montare la chiavetta manualmente) e, ipotizzando che la chiavetta sia disponibile sull'unità R: di Windows oppure montata in /media/disc su Linux, creiamo al suo interno la struttura destinata a contenere le componenti software:

  • su Windows:
md R:\Programmi\FidoCadJ_portable
md R:\Programmi\Win_JRE
md R:\Programmi\Linux_JRE
  • su Linux:
mkdir -p /media/disc/Programmi/FidoCadJ_portable
mkdir /media/disc/Programmi/Win_JRE
mkdir /media/disc/Programmi/Linux_JRE

Naturalmente, nel caso di Windows, è possibile creare la struttura mediante Explorer; in generale, è necessaria l'unica accortezza di non inserire spazi nei nomi delle directories per evitare potenziali incomprensioni da parte di Linux.

Terminate le suddette operazioni, lasciamo la chiavetta montata e procediamo con i passi successivi.


Secondo passo - Java Runtime Environment (JRE)

Come già anticipato, il JRE provvede alla funzione di motore di un'applicazione scritta in linguaggio java; per ogni comune sistema operativo (Microsoft Windows, Linux, Mac OS e via dicendo) esiste uno specifico JRE sviluppato dalla Oracle Corporation, proprietaria della tecnologia e del marchio.

Per disporre del JRE sulla chiavetta, è necessario procedere come segue:

  • scaricare il programma di installazione e lanciarne l'esecuzione sul computer oppure installare direttamente il JRE usando gli specifici gestori di pacchetti (apt-get, yum, etc) nel solo caso di Linux.

Nota: In merito alla bitness del JRE, in questa configurazione portabile conviene sempre installare la versione a 32 bit in modo da essere compatibile con i sistemi operativi sia a 32 bit che 64 bit

  • copiare sulla chiavetta il ramo dove è stata installato il JRE, come di seguito descritto.

Nota: Il link citato può cambiare in relazione allo sviluppo delle ulteriori versioni del JRE da parte del produttore.


Facendo un esempio in ambiente Windows e supponendo che il JRE del nostro computer sia installato nel ramo C:\Programmi\Java\jre7, si dovranno copiare sulla cartella R:\Programmi\Win_JRE le cartelle bin e lib ed eventuali files contenuti sul computer nel ramo di installazione del JRE.

Alla fine, si dovrà ottenere una struttura analoga all'esempio riportato in figura

layout_JRE.PNG

layout_JRE.PNG



In ambiente Linux, partendo dal presupposto che gli eseguibili puntano spesso a link simbolici a livelli multipli, è necessario interrogare opportunamente il sistema per trovare la posizione sul filesystem della JRE.

L'istruzione:

readlink -e $(which java)

ci darà un output del tipo:

/usr/lib/jvm/java-6-sun-1.6.7.8/jre/bin/java

Nota: readlink è una utility facente parte del pacchetto coreutils.

Per copiare sulla chiavetta, in ambiente Linux, il JRE, usiamo il comando (senza interruzioni di riga):

cp -pr /usr/lib/jvm/java-6-sun-1.6.7.8/jre/* /media/disc/Programmi/Linux_JRE

Qualora non si desideri conservare il JRE sul computer, a questo punto è possibile rimuoverlo mediante il rispettivo gestore di pacchetti specifico del sistema operativo.

Terzo passo - FidoCadJ

Questo passaggio consiste nella semplice operazione di copia del file fidocadj.jar nella chiavetta, in corrispondenza della directory

  • su Windows:
R:\Programmi\FidoCadJ_portable
  • su Linux:
/media/disc/Programmi/FidoCadJ_portable

L'operazione può essere eseguita mediante Explorer di Windows oppure da riga di comando.


Quarto passo - gli scripts di attivazione

Il quarto ed ultimo passaggio comporta la creazione di due shell scripts - uno per ciascun sistema operativo - che permetteranno di mandare in esecuzione FidoCadj anche su altri computer Windows XP oppure Linux

  • Windows (script fidocadj.bat)
@echo off
set PATH=.;..\FidoCadJ_portable\Win_JRE\bin
set CLASSPATH=.;..\FidoCadJ_portable\Win_JRE\lib;..\FidoCadJ_portable
..\FidoCadJ_portable\Win_JRE\bin\java.exe -jar ..\FidoCadJ_portable\fidocadj.jar


  • Linux (script fidocadj.sh)
#!/bin/bash
export PATH=.:../FidoCadJ_portable/Linux_JRE/bin
export CLASSPATH=.:../FidoCadJ_portable/Linux_JRE/lib:../FidoCadJ_portable
../FidoCadJ_portable/Linux_JRE/bin/java -jar ../FidoCadJ_portable/fidocadj.jar

Assicuriamoci che i due scripts fidocadj.bat e fidocadj.sh abbiano i necessari privilegi di esecuzione nel rispettivo sistema operativo.

Idealmente, i due scripts vanno posizionati nella stessa directory che contiene fidocadj.jar ma possono funzionare anche in una sottodirectory specifica interna alla Programmi; naturalmente, modificando opportunamente gli scripts è possibile posizionarli dove si preferisce purchè siano rispettati i puntamenti alle variabili PATH e CLASSPATH, agli eseguibili del JRE java/java.exe ed al file fidocadj.jar.
In caso di modifica degli scripts, l'aspetto fondamentale è di riferire i puntamenti a files e directories in modo relativo, in modo da conservare la portabilità dell'applicazione indipendentemente dal nome dell'unità (Windows) oppure del mount point (Linux) su cui è montata la chiavetta.

Prova di funzionamento

Per verificare se i passi sono stati eseguiti correttamente (e se non ho trascurato nulla di importante), si può fare una prova di funzionamento, smontando la chiavetta dal computer che abbiamo usato finora e montandola su un'altro computer (Windows oppure Linux, sprovvisto di JRE) e lanciando gli scripts con le rispettive modalità di Windows oppure di Linux; l'apertura della nota finestra principale di FidoCadj confermerà che abbiamo agito correttamente:

finestra_fcdj.png

finestra_fcdj.png


Approfondimenti

Per chi desiderasse maggiori informazioni in merito alla modifica degli shell scripts ed ai filesystems, suggerisco di iniziare da questi link:


Infine, volevo ringraziare admin per l'aiuto nell'impostazione grafica e per la bella foto allegata all'articolo in Home Page.

14

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

Ho inserito una nota di chiarimento in merito alla bitness del JRE

Rispondi

di ,

@DarwinNE: mi fa molto piacere ricevere l'apprezzamento del mio modesto lavoretto dal "padre" di FidoCadJ, grazie :) Conoscendoti come utilizzatore Mac, avevo pensato di scrivere qualcosa anche per questo sistema operativo ma leggendo il manuale ho capito che senza fare delle prove non ne sarei venuto a capo; se riesco ad attivare una macchina virtuale con Mac, potrei pensare di estendere l'articolo ;)

Rispondi

di ,

E' sempre un grande piacere vedere come il proprio lavoro venga apprezzato ed esteso da altre persone. Pochi giorni fa, ho avuto il piacere di vedere come un ragazzo molto gentile ha iniziato a collaborare alla scrittura del codice di FidoCadJ. Adesso leggo con molto piacere questo bell'articolo!

Rispondi

di ,

Segnalo di aver corretto un errore (quarto passo, penultimo paragrafo), la frase "directory specifica interna alla FidoCadJ_portable" è stata cambiata in "sottodirectory specifica interna alla Programmi".

Rispondi

di ,

Complimenti alev per l'articolo...utilissimo per chi, come me, si trova a lavorare in posti e con PC sempre diversi!!

Rispondi

di ,

E' vero: ho l'abitudine di fare le cose con i miei tempi (quando possibile) ma l'ho presa con il tempo, l'indole è quella dell'ariete... Ringrazio ancora tutti quanti per l'apprezzamento mostrato :))

Rispondi

di ,

alev è uno che prende con calma la mira, e fa centro al primo colpo!
Complimenti e grazie, alev ;-)

Rispondi

di ,

Complimenti per il tuo primo articolo alev. Voto positivo più che meritato :) .

Rispondi

di ,

e il primo articolo di alev non poteva che essere una chicca :) cvd

Rispondi

di ,

@Paolino, la procedura che ho descritto permette appunto di usare il medesimo jar di FidoCadJ in comune tra Windows e Linux, quello che cambia sono gli scripts di attivazione e la specifica JRE. Il jar di FidoCadJ non è differenziato tra Windows e Linux, solo il JRE è tale. Inoltre, l'uso del filesystem FAT32 (supportato in lettura/scrittura sia su Windows che su Linux) garantisce la funzionalità ambivalente senza troppe complicazioni. Grazie a tutti :)

Rispondi

di ,

Veramente molto interessante come articolo, era da un po' che volevo provare FidoCadJ, mi aveva incuriosito. Grazie mille per la guida.

Rispondi

di ,

Molto interessante! A questo punto ho una domanda: cosa accade se si installano ad esempio due versioni di FIDOCADJ, quella per Windows e quella per Linux, sulla medesima chiavetta USB? Non si potrebbe a questo punto condividere i file di progetto potendo impiegare la chiavetta ora con un S.O. e ora con l'altro? A parte i miei quesiti, ottimo lavoro! Grazie.

Rispondi

di ,

L'articolo mi e' piaciuto e l'applicazione mi sara' senz'altro utile. Bravo alev!

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.